Marito e moglie perdono il lavoro: lei, disperata, decide di farla finita. Gli agenti le salvano la vita e fanno una colletta per aiutarli

Una storia a lieto fine

L’emergenza pandemica porta ancora strascichi e ne è testimonianza un episodio verificatosi qualche giorno fa a Barletta.

Erano circa le 13 quando all’operatore del centralino del locale Commissariato giungeva la telefonata disperata di un uomo che chiedeva aiuto in quanto la moglie lo aveva contattato telefonicamente per dirgli addio e rappresentargli la propria intenzione di togliersi la vita.

L’operatore, compresa la gravità della situazione e la necessità di un intervento immediato, si faceva dare dall’uomo il numero di telefono della moglie e le telefonava. Intratteneva con lei una lunga conversazione, durata oltre 30 minuti, nel corso della quale cercava, con pacatezza e calma, di dissuaderla dal compiere l’insano gesto; contemporaneamente riusciva ad acquisire notizie utili a localizzarla al fine di poter inviare in suo soccorso la Volante. Conquistata la sua fiducia, apprendeva che la donna si trovava nei pressi della Stazione ferroviaria di Barletta e, senza mai interrompere la conversazione, inviava immediatamente la volante sul posto.

Gli Agenti appena arrivati sul posto la individuavano e le si avvicinavano con premura per farle comprendere che si poteva fidare di loro. La giovane, quindi, cominciava a raccontare la situazione di disagio che stava vivendo. Sia lei che il marito avevano, pressoché contemporaneamente, perso il lavoro e la disperazione l’aveva sopraffatta in quanto non riuscivano più a far fronte neppure alle esigenze primarie.

Gli Agenti, tranquillizzata la donna, la conducevano in Commissariato dove c’era ad attenderla il marito.

Iniziava quindi una catena di solidarietà ed il personale si attivava per la raccolta di denaro da donare alla coppia e, allo stesso tempo, coinvolgeva la Parrocchia Santa Lucia per dare loro sostegno ed aiuto agli stessi.