Raccolta differenziata, sollevate perplessità sull’uso delle pattumelle come veicolo di trasmissione del Coronavirus

Il Sindaco interviene sull’argomento: “non ci sono gli estremi per cambiare il servizio”

Da diversi giorni, sono state sollevate perplessità in merito al servizio di raccolta differenziata “porta a porta” con l’uso delle pattumelle date in dotazione, in quanto la preoccupazione dei cittadini è che possano diventare veicolo di trasmissione del Coronavirus.

A tal proposito, è intervenuto il Sindaco Angelo Annese che ha dichiarato: “In tanti mi avete chiesto indicazioni e manifestato la vostra preoccupazione in merito alla raccolta differenziata, chiedendomi se la pattumella potesse diventare veicolo di trasmissione del virus. Da una settimana – spiega il Primo Cittadino – col dirigente Antonicelli abbiamo chiesto agli organi preposti di supportarci. Abbiamo ricevuto una relazione dell’Istituto Superiore della Sanità e dall’Ager nelle quali si precisa che non ci sono gli estremi per cambiare il servizio in quanto la pattumella è di plastica, così come tanti altri oggetti che maneggiamo. L’invito quindi è di usare anche in questo caso le solite cautele igieniche, come lavarsi bene le mani”.