Assenteismo in ospedale, revocati arresti domiciliari per altri indagati

Misura revocata anche a Dalena, Moretti, Serafino e Lopriore

Dopo Santamato e Di Giulio, revocati gli arresti domiciliari anche per il dirigente medico responsabile del Reparto di Otorinolaringoiatria Egidio Dalena, il dirigente medico presso il Reparto di Radiodiagnostica Girolamo Moretti ed il Direttore del Pronto Soccorso Filippo Serafino entrambi difesi dall’avvocato monopolitano Alberto Sardano ed il dirigente medico responsabile del Reparto di Cardiologia Vincenzo Lopriore nel caso che li vedeva tra gli indagati raggiunti, il 18 luglio scorso, da un’ordinanza di applicazione di misure cautelari eseguita nei confronti di personale sanitario (medico, infermieristico, tecnico), amministrativo ed  ausiliario in servizio all’Ospedale “San Giacomo” di Monopoli, che si sarebbe reso responsabile di  numerosi fatti di truffa aggravata in danno della ASL Bari, di false attestazioni o certificazioni, di falsità ideologica in atto pubblico (art. 640 cpv. n. 1 c.p., art. 55 quinquies T.U. sul Pubblico Impiego, art. 483 c.p.) connessi all’ allontanamento arbitrario, in assenza di permessi o autorizzazioni, dal luogo di lavoro con omissione dell’ inserimento della scheda magnetica nell’ apparecchio marcatempo, con l’esecuzione di tali operazioni di registrazione, in entrata e/o in uscita, da parte di soggetti diversi dal dipendente interessato ovvero con la produzione successiva di false dichiarazioni sostitutive.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.