Come si vota

La scheda per l’elezione del sindaco è quella stessa utilizzata per l’elezione del Consiglio comunale. La medesima scheda reca stampigliati in successione i nomi e i cognomi dei candidati alla carica di sindaco, scritti entro un rettangolo, al cui fianco è riportato il contrassegno dell’unica lista collegata al candidato sindaco.

Ciascun elettore tracciando un segno su un simbolo può, con un unico voto, esprimere la sua preferenza sia per il candidato alla carica di sindaco sia per la lista a esso collegata. Comunque, l’elettore può praticare il voto disgiunto esprimendo la preferenza per un candidato alla carica di sindaco non collegato alla lista prescelta.

Si possono esprimere sino a un massimo di due voti di preferenza per candidati della medesima lista. Nel caso di espressione di due preferenze, una deve riguardare un candidato di genere maschile e l’altra un candidato di genere femminile, pena la nullità della seconda preferenza.

È proclamato sindaco il candidato che ottiene il maggior numero di voti. In caso di parità si procederà a un turno di ballottaggio fra i due candidati che hanno ottenuto il maggior numero di voti.