Incappucciati, rubano un’auto. Giovane riconosciuto dalle telecamere

A casa del 26enne, alcuni capi di vestiario compatibili con quelli indossati dal medesimo al momento del furto

I Carabinieri di Cassano delle Murge hanno arrestato, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal GIP di Bari su richiesta della Procura della Repubblica del capoluogo pugliese, un 26enne bitontino ritenuto responsabile di furto di autovettura avvenuto in quel centro lo scorso 30 luglio.

Alle prime ore dell’alba del 30 luglio scorso, il giovane insieme ad altri due complici, tutti a volto coperto, si erano recati in quel centro e, dopo aver individuato un’autovettura parcheggiata in via Pio XII, sotto casa del proprietario, se ne erano impossessati fuggendo in direzione di Bitonto.

Le indagini da parte dei militari della locale Stazione Carabinieri, avviate immediatamente attraverso l’esame delle telecamere pubbliche e private installate nei pressi del luogo in cui era stato consumato il furto, permettevano di individuare uno degli autori del furto, sebbene travisato, e di documentare alcuni segni distintivi dell’abbigliamento che indossava. Assunti diversi indizi che conducevano all’identificazione del soggetto, anche grazie a un esame di soggetti gravati da precedenti penali specifici e provenienti dall’area in cui gli autori si erano diretti subito dopo il furto, presso l’abitazione del 26enne veniva eseguita una mirata perquisizione nel corso della quale venivano rinvenuti e sequestrati alcuni capi di vestiario compatibili con quelli indossati dal medesimo al momento del furto. Tali ulteriori indizi di colpevolezza sono stati condivisi dalla Magistratura inquirente che ha richiesto nei confronti del giovane un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, per furto aggravato in concorso.