Da Monopoli, un emendamento aggiuntivo per limitare gli effetti del “Piano Casa”

Per Manisporche, la modifica al co.3 dell’art.14 del DPR 380/01, introdotta nel Decreto Semplificazioni, azzererebbe decenni di pianificazione urbanistica

È da Monopoli che Manisporche rivolge una lettera-appello (a firma del consigliere comunale arch. Angelo Papio) alle maggiori Istituzioni nazionali, inoltrata ai Presidenti di ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani) e CNAPPC (Consiglio Nazionale Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori) nonché a eminenti figure del mondo professionale e accademico, affinché si ponga rimedio ad una modifica al co.3 dell’art.14 del DPR 380/01, introdotta nel Decreto Semplificazioni, che liberalizzerebbe il cambio di destinazione d’uso delle aree e dei fabbricati.

“Tale modifica – spiegano dal movimento – azzera decenni di pianificazione urbanistica in Italia. Ma, cosa ancor più grave, consente l’estensione della “deroga” alle destinazioni urbanistiche delle aree anche per le leggi straordinarie e temporanee di emanazione regionale. Così, per esempio, il cosiddetto “Piano Casa” permetterà in molti Comuni italiani – come quello di Monopoli in Puglia – di trasformare, con un semplice permesso di costruire, intere zone industriali in quartieri residenziali di migliaia di appartamenti”.