Previsti l’affidamento in concessione del servizio di raccolta e gestione dei rifiuti e residui del carico prodotti dalle navi, servizio di aggiornamento della caratterizzazione dei fondali nell’area all’imboccatura e commerciale del Porto e lavori di realizzazione di infopoint a servizio dei passeggeri

 

 

Nei mesi di marzo e di aprile, l’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Meridionale, nonostante la crisi sanitaria e le conseguenti misure restrittive, ha continuato senza alcuna interruzione la propria attività amministrativa sia per garantire l’operosità dei porti, snodi strategici della catena logistica nella movimentazione delle merci, sia per predisporre tutte le procedure prodromiche, indispensabili per l’avvio delle opere di infrastrutturazione già programmate.

Disponendo, pertanto, di una serie di procedure amministrative concluse e contrattualizzate, l’Ente portuale sta già iniziando i lavori pianificati, atteso che le recenti disposizioni governative consentono il riavvio dei cantieri.

Nonostante il lock-down, infatti, l’AdSP MAM ha sottoscritto da remoto 12 contratti con altrettanti appaltatori per un valore complessivo che sfiora i 15 milioni di euro. Importo che si somma a quanto già stanziato per gli accordi quadro manutenzioni delle infrastrutture civili e degli impianti già in essere.

Tutto l’intricato e complesso iter procedurale è stato eseguito da remoto, attraverso l’utilizzo di piattaforme tecnologiche che hanno consentito di esperire le diverse fasi delle gare d’appalto.

Nonostante le difficoltà oggettive– commenta il presidente dell’AdSP MAM Ugo Patroni Griffi- non abbiamo mai lesinato sforzi e impegno. Non abbiamo mai inteso perdere un solo istante, con l’obiettivo di farci trovare prontissimi, ai nastri di partenza, al riavvio delle attività.”.

Per tentare di parare gli innumerevoli contraccolpi economici legati alla pandemia, infatti, – conclude Patroni Griffi- è necessario riaccendere i motori produttivi del Paese. Il riavvio delle attività cantieristiche nei nostri porti vuole essere un significativo contributo finalizzato alla ripresa economica nei nostri territori.

Sono 24 le opere appaltate, tra cui quelle riguardanti il Porto di Monopoli:

  • PORTO DI MONOPOLI. AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI RACCOLTA E GESTIONE DEI RIFIUTI E DEI RESIDUI DEL CARICO PRODOTTI DALLE NAVI- 120.000 €

  • SERVIZIO DI AGGIORNAMENTO DELLA CARATTERIZZAZIONE DEI FONDALI NELL’AREA ALL’IMBOCCATURA E COMMERCIALE DEL PORTO DI MONOPOLI 250.000 €

  • LAVORI DI REALIZZAZIONE DI STRUTTURE LEGGERE PREFABBRICATE DESTINATE AD INFOPOINT A SERVIZIO DEI PASSEGGERI NEI PORTI DI MANFREDONIA, MONOPOLI E BARLETTA. “PROGETTO INTERREG V-A EL-IT GREECE – ITALY 2014 – 2020 THEMIS”- 520.071 €

Nei cinque porti del sistema, inoltre, sono previsti:

  • SERVIZI DI COMUNICAZIONE E MARKETING TERRITORIALE DEL PROGETTO THEMIS FINANZIATO NELL’AMBITO DEL PROGRAMMA INTERREG VA GREECE ITALY 2014/2020- 139.533 €

  • ATTO AGGIUNTIVO AL CONTRATTO DI ACCORDO QUADRO PER LAVORI DI LAVORI DI MANUTENZIONE E TENUTA IN ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI TECNOLOGICI DEGLI IMMOBILI NEGLI AMBITI DEMANIALI DEI PORTI DEL SISTEMA – LOTTO 3 – MANFREDONIA E BARLETTA – 453.000€

  • LAVORI DI LAVORI DI MANUTENZIONE E TENUTA IN ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI TECNOLOGICI DEGLI IMMOBILI NEGLI AMBITI DEMANIALI DEI PORTI DEL SISTEMA – LOTTO 1 – BARI – 108.200 €