Il Sindaco Angelo Annese aggiorna la cittadinanza sull’emergenza Coronavirus

 

Sono risultati tutti negativi al test i monopolitani a cui, oggi, è stato effettuato il tampone.

A confermarlo è il Sindaco di Monopoli Angelo Annese che, nel suo ormai consueto aggiornamento quotidiano sull’emergenza Coronavirus, annuncia alla cittadinanza dell’iniziativa della “spesa sospesa” in favore delle famiglie bisognose, a cui è possibile donare beni di prima necessità all’uscita dal supermercato.

Buonasera a tutti cari concittadini,
eccoci qui per il nostro consueto appuntamento.

Voglio cominciare con una bella notizia, durante questa giornata ho ricevuto diverse telefonate, anche da miei conoscenti che, a causa di sintomi respiratori, sono stati sottoposti al tampone per coronavirus.
Fortunatamente, per tutti loro, l’esito è stato negativo.

Uno dei risvolti di questa spaventosa situazione di emergenza sanitaria è purtroppo quello della difficoltà economica, difficoltà economica che pesa sulle tasche di tutti perché tutti ci siamo fermati.
Chiaramente però quelle situazioni economiche che non erano floride prima del coronavirus ora si sono accentuate.
Il sistema comunale di aiuti è sempre in funzione ed è stato implementato ma purtroppo, a volte, sembra non bastare.
Per questa ragione, da qualche giorno, mi sono interfacciato con i direttori delle strutture commerciali di generi alimentari più grandi di Monopoli ai quali ho chiesto la loro disponibilità a donare beni di prima necessità per le famiglie bisognose.
Hanno tutti risposto positivamente alla mia richiesta di aiuto e ci stiamo organizzando per la raccolta e per la consegna attraverso Caritas e Unitalsi.
A loro va il mio GRAZIE.

Rispetto a questa situazione che merita, forse prima del resto, la mia attenzione siamo andati oltre, spinti specialmente dalla richiesta giunta da tanti monopolitani che volevano rendersi utili aiutando nel loro piccolo chi ne ha più bisogno.
Mi è venuto in mente di organizzare nel nostro comune e per i nostri cittadini
“LA SPESA SOSPESA”.
Funzionerà così: quando ci rechiamo a fare la nostra spesa settimanale potremo decidere di donare uno o più articoli che, attraverso la Caritas e l’Unitalsi, saranno destinati alle famiglie meno abbienti.
Abbiamo pensato di collocare un carrello vicino alla cassa così all’uscita potrete donare lì ciò che vi va.
Tutte le attività che vorranno aderire e dare la possibilità ai cittadini di effettuare donazioni potranno chiamare il numero 3298406890 e comunicare la loro adesione.
Potremmo nei prossimi giorni pensare di estendere questa iniziativa anche ai fruttivendoli, alle farmacie e, se avete suggerimenti, sono pronto a coglierli.

Voglio poi fare un piccolo appello.
Da domani ci sarà la distribuzione delle pensioni alle poste secondo il calendario che è stato anche pubblicato sul sito del Comune.
Vi invito a seguire l’ordine indicato e a presentarvi nel giorno corrispondente alla lettera del vostro cognome, a non accalcarvi e a rispettare le distanze di sicurezza.
Se potete, fate arrivare questo messaggio ai più grandi che magari non usano questi canali.

Adesso vi lascio col mio solito invito ed una piccola considerazione.
Noi non dobbiamo soltanto difenderci dal virus, noi dobbiamo fare i conti anche con la carenza dei dispositivi di protezione individuale.
Nella nostra città, nella nostra provincia, nella nostra regione il grido è unico.
Mancano mascherine, mancano tute, MANCA TUTTO.
Non solo stiamo combattendo una guerra contro un nemico subdolo e invisibile, lo stiamo facendo anche senza armi.
L’unica nostra arma è rimanere a casa.
Vi prego, ascoltatemi.