Le manifestazioni senza alcun interesse di carattere pubblico, se gravanti sulle tasche dei cittadini potevano ravvisarsi come un danno erariale


La Corte dei Conti, sezione di controllo per la regione Emilia Romagna, con deliberazione del 15 ottobre
2018, n. 123, aveva puntualizzato l’ambito di applicazione della norma, definendo in maniera perentoria che i
servizi di Polizia stradale e di Sicurezza urbana offerti ai privati per manifestazioni senza alcun interesse di
carattere pubblico, se gravanti sulle tasche dei cittadini potevano ravvisarsi come un danno erariale.
Ossequiosi all’interpretazione giurisprudenziale contabile, la Giunta Comunale, rifacendosi alla nota ANCI n.
273 del 23/11/2017 e alla successiva nota interpretativa della Conferenza Stato-Città e autonomie locali del
26 luglio 2018, al fine di non far gravare sulle tasche dei contribuenti il peso economico delle prestazioni rese
dalla Polizia Locale in occasioni di eventi organizzati dai privati, senza interesse pubblico e con scopo di lucro,
sulla base dello schema di regolamentazione dall’Associazione Nazionale dei Comuni, ha approvato con
deliberazione n. 09 del 13/02/2020 il “REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI A CARICO DI TERZI PER LO
SVOLGIMENTO DI MANIFESTAZIONI E EVENTI SUL TERRITORIO DEL COMUNE DI MONOPOLI”.
Il predetto regolamento si compone di 14 articoli che definiscono gli ambiti di applicazione, le caratteristiche
delle manifestazioni oggetto del rimborso del servizio offerto (elencando quelle escluse), le modalità e i tempi
per i versamenti nonché la loro destinazione vincolata.
Nei primi articoli sono definite le caratteristiche che deve avere l’evento privato per essere oggetto del
regolamento: in primis, non deve essere di pubblico interesse e deve svolgersi in luoghi pubblici o aperti al
pubblico; deve, inoltre, richiedere per la sua realizzazione l’indispensabile presenza di personale di Polizia
locale per assicurare le necessarie prestazioni in materia di sicurezza e di polizia stradale.
Lo scopo di lucro, eventualmente collegato all’evento, costituisce una presunzione relativa dell’assenza di
interesse pubblico dell’evento stesso; sono comunque soggette alla medesima regolamentazione le
manifestazioni organizzate da soggetti privati o di natura privata, anche se destinatarie di contributi specifici,
patrocini o di altre forme di riconoscimento dell’evento.
A titolo meramente esemplificativo, rientrano nell’ambito di applicazione del Regolamento 9/2020 i servizi
resi in occasioni di manifestazioni o riprese cinematografiche, quelli per trasporti eccezionali e di viabilità per
operazioni di trasloco o ristrutturazioni immobili; quelli diretti a regolare il traffico in caso di iniziative
commerciali, industriali, culturali o sportive di carattere privato comportanti straordinaria affluenza di veicoli;
le scorte di sicurezza in occasione di manifestazioni e gare sportive anche dilettantistiche o amatoriali.
L’art. 4 definisce le tipologie di manifestazioni ed eventi escluse dell’applicazione del regolamento; si va dalle
iniziative che hanno finalità di carattere sociale e associativo (si pensi a quelle rivolte alla tutela
dell’ambiente, all’uso del territorio, alla diffusione attiva dell’educazione motoria e delle pratiche sportive) a
quelle di carattere religioso (le feste patronali e parrocchiali, le processioni); dalle iniziative di carattere
politico/sindacale a quelle culturali con particolare riferimento alla diffusione della cultura legata a particolari
aspetti del territorio in cui si effettua la manifestazione; dalle manifestazioni ed eventi di grande risonanza e
rilevanza (anche dal punto di vista di Protezione Civile) a quelle (previsione residuale) che la Giunta
Comunale specificamente attesterà essere di pubblico interesse.
Non tutti gli eventi privati devono necessariamente avere in dotazione il servizio di Polizia Locale per
garantire la sicurezza e fluidità della circolazione; infatti, perché sia obbligatoria la prestazione del personale
del Comando di via Aldo Moro, è indispensabile che l’evento sia caratterizzato da almeno due delle seguenti
circostanze: a) previsione di afflussi superiore a n. 50 persone; b) interessamento di aree limitrofe in cui
sono presenti esercizi commerciali e di ristorazione potenzialmente coinvolti alla manifestazione, sia in

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.