ULTIM’ORA|VIDEO – Giovane sorpreso dai Carabinieri a spacciare davanti a scuola a Monopoli

20enne arrestato nell’ambito del progetto “Scuole Sicure” 

I Carabinieri della Compagnia di Monopoli hanno arrestato I.P., 20enne, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari emessa dal GIP presso il Tribunale di Bari, su richiesta della locale Procura della Repubblica, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, commesso con l’aggravante di aver agito nei pressi di un istituto scolastico.

Le indagini sono state avviate durante l’esecuzione dei servizi nell’ambito del progetto “Scuole Sicure” (un protocollo coordinato dal Ministero dell’Interno che ha come fine quello di prevenire e contrastare lo spaccio di sostanze stupefacenti negli istituti scolastici): la presenza delle pattuglie dei Carabinieri davanti alle scuole è stata subito notata dai genitori di alcuni alunni, i quali, hanno segnalato ai militari il comportamento più che sospetto del 20enne, in concomitanza degli orari di entrata e uscita dalle lezioni, manifestando altresì il disagio e la preoccupazione che vivevano i propri figli, spettatori delle attività illecite.

I controlli svolti dai Carabinieri, consentivano di individuare una coppia di giovani (di cui uno minorenne) i quali, a bordo di un motociclo, si presentavano negli orari d’ingresso e avvicinavano gli studenti con l’intento di vendere stupefacente. Bloccati e perquisiti venivano trovati in possesso di dosi di marijuana già confezionate in bustine in cellophane e pronte ad essere vendute, oltre che la somma di 140,00 euro in contanti, provento dell’attività di spaccio. Le indagini, mediante attività tecniche e di acquisizioni delle dichiarazioni fornite da persone a conoscenza dei fatti, sono proseguite consentendo di ricostruire il “giro” dei due pusher,

Veniva accertato che l’arrestato gestiva un’attività in proprio da quasi un anno, essendo il fornitore di molti giovani monopolitani, soprattutto studenti, i quali, mediante appuntamenti stabiliti su instagram, acquistavano dallo stesso hashish o marijuana, pagando le dosi 10 o 20 euro a seconda del peso. Gli appuntamenti venivano fissati a scuola oppure nelle piazze centrali della città, mentre la richiesta di stupefacenti avveniva facendo ricorso a termini criptici quali “ho bisogno di una mano”.

Nel corso dell’attività sono state altresì sequestrate 30 bustine pronte ad essere confezionate per l’attività di vendita ed un bilancino di precisione. Attualmente il giovane è stato sottoposto in regime di arresti domiciliari come disposto dall’Autorità Giudiziaria mandante.​

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.