Per precauzione, studentessa cinese delle medie non sarebbe stata riammessa a scuola al ritorno da una vacanza in Cina

È psicosi da Coronavirus anche in città. Come in altre città italiane in cui, ormai da decenni, si sono venute a creare piccole “Chinatown”, pare che la cittadinanza stia limitando la frequentazione di negozi di cinesi per timore di un eventuale contagio prodotto dall’arrivo di merce dalla Cina.

Come accaduto a Cerignola, di recente, anche a Monopoli – per precauzione – non sarebbe stata riammessa a scuola una studentessa cinese delle medie, di ritorno da una vacanza nel suo Paese d’origine, pur non presentando sintomi del Coronavirus; notizia che si sta diffondendo in queste ultime ore con l’inoltro, attraverso le app di messaggistica istantanea, di un file audio in cui se ne parla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.