Un gradito ritorno nel roster AP 

Continua la preparazione della squadra di serie C Silver, seguita da Fabrizio Russano, insieme allo staff tecnico guidato da coach Cazzorla che ha impegnato i suoi in test amichevoli di livello con squadre di categoria superiore, indice di quello che è il lavoro che si sta approntando per affrontare questo nuovo anno sportivo.

Nel roster a sua disposizione quest’anno un gradito ritorno è quello di Piero Gentile (in foto di archivio dell’Invicta Brindisi – Brindisi Basket City – in azione nella stagione 2017/2018). Classe ’93 gioca nel ruolo di guardia, negli anni ha militato nei campionati di serie D e C Silver, distinguendosi per la sua grinta.

L’INTERVISTA PRE-CAMPIONATO A PIETRO GENTILE

Com’è stato il tuo rientro all’AP?

Dopo un anno nelle fila del Basket Fasano, ho accolto con molta positività il fatto di ritornare a giocare a Monopoli e la cosa più importante è aver ritrovato gran parte dei miei ex compagni di squadra.

Come hai appena detto, hai ritrovato parte dei tuoi ex compagni. C’è una buona sintonia per affrontare il prossimo campionato di C Silver?

Sono contento di essere tornato all’AP Monopoli e soprattutto di aver trovato i compagni di squadra con cui ho giocato per una vita ovvero Allegretti, Persichella, Brunetti, Lamanna e Giovinazzi, con i quali ho un ottimo rapporto e tanta sintonia, che si sta creando anche con i nuovi.

Nel roster ci sono due giocatori stranieri, che valore aggiunto possono apportare?

Lescot e Paparella sono due giocatori molto importanti per la categoria, una guardia ed un playmaker, quest’ultimo di grandissima esperienza da cui tutti possiamo e dobbiamo imparare. Kevin ha già giocato lo scorso anno nell’AP ed è già ben inserito nel gruppo ed ha dimostrato il suo valore in campo. Insieme possiamo formare un gruppo vincente.

Quali sono le tue aspettative per il prossimo anno sportivo?

Il campionato di C Silver è impegnativo e le aspettative sono alte. Ogni partita è una sfida che deve essere affrontata per portare a casa il massimo risultato e, quindi, la vittoria. Le squadre sono competitive ed anche la nostra non è da meno, infatti il nostro obiettivo è quello di fare bene.