Niente lavori di ampliamento del Pronto Soccorso all’Ospedale “S. Giacomo” di Monopoli

La Conferenza delle Associazioni per la Difesa delle Strutture Sanitarie Cittadine avrebbe accertato che si tratterebbe di lavori per l’attivazione di una guardia medica pediatrica

Nessun ampliamento del Pronto Soccorso, ma soltanto l’attivazione di una guardia medica pediatrica all’Ospedale “S. Giacomo” di Monopoli.

La Conferenza delle Associazioni per la Difesa delle Strutture Sanitarie Cittadine coordinato dal Prof. Angelo Giangrande rettifica quanto diffuso in un precedente comunicato stampa.

“Precisiamo che da notizie ufficiose assunte in sede, siamo venuti a conoscenza che i lavori in corso presso l’ex reparto di pediatria non sono relativi all’ampliamento del Pronto Soccorso, come da previsione, ma per l’attivazione di una guardia medica pediatrica. Stiamo cercando di approfondire presso gli Organi Tecnici e qualora così fosse sarebbero stravolte tutte le previsioni che noi non condividiamo. Aver visto lavori in corso in quel reparto, abbiamo pensato che fossero relativi al progetto di ampliamento del Pronto Soccorso. Ci impegniamo a precisare  lo stato dei fatti”.

IL PRECEDENTE COMUNICATO

Iniziati i lavori di ampliamento del Pronto Soccorso al “S. Giacomo”: FINALMENTE!
Con viva soddisfazione apprendiamo che finalmente sono iniziati i lavori nell’ ex reparto di otorino che sarà destinato all’indispensabile ampliamento del nostro Pronto Soccorso!
Ci sono voluti tre anni di insistenze e proteste per arrivare a questo importante risultato.
Preme precisare, infatti, che questo Comitato nel momento in cui si chiudevano i Pronto Soccorso degli ospedali di Conversano prima e di Fasano dopo, si attivava con documenti propositivi perché il nostro Pronto Soccorso non era più in grado di sopperire alle aumentate esigenze.
Pertanto chiedeva ai vari Enti preposti di pensare ad un ampliamento di detto servizio sia dal punto di vista strutturale me anche di personale segnalando l’opportunità che il personale in servizio presso i dismessi
Pronto Soccorso venissero in aiuto dei nostri medici.
Considerate le mancate risposte ed i gravi disagi per i pazienti in attesa di soccorso, costretti a pazientare in un angusto corridoio anche diverse ore, nell’autunno 2017 proponevamo un raccolta di firme per sollecitare una adeguata soluzione.
Pertanto in data 8.11.2017 inoltravamo ai vari Enti le 3.610 firme raccolte in pochi giorni a supporto della nostra azione.
Ed ora che i lavori sono iniziati, ci auguriamo che vengano completati quanto prima per dare una adeguata
allocazione a detto importante servizio.
Così come ci auguriamo che contemporaneamente vengano destinate al nostro Pronto Soccorso ulteriori risorse umane per sopperire alle gravi deficienze tuttora lamentate e dare un aiuto al personale in servizio
che in tutto questo periodo, con grande sacrificio e disponibilità, ha fatto fronte alle aumentate esigenze.
Alla luce del maggiore impegno che il nostro Pronto Soccorso riveste a servizio di una vasta area, torniamo a chiedere che esso torni ad essere struttura complessa con un suo Direttore.
Con l’occasione, mentre si rimarca che i lavori per il Nuovo Ospedale procedono secondo il programma predisposto e da noi verificato, è necessario prestare maggiore attenzione al “S. Giacomo” che soffre di
gravi carenze di personale in primis di Direttori di importantissime Strutture Complesse: Chirurgia; Anestesia e Rianimazione; Ortopedia, Cardiologia, Medicina scoperte ormai da anni!
Ma si segnalano anche le gravi carenze della Medicina Territoriale i cui servizi, che si sono ridotti nel tempo, non sono in grado di far fronte alle giuste esigenze dei pazienti costretti spesso a rivolgersi a strutture private con aggravio di spese.
E ciò in spregio alla tanto conclamata prevenzione!
Si confida in un adeguato riscontro e si porgono distinti saluti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.