Il musical del Centro Diurno “Santa Caterina Tre”

Venerdì scorso, il Centro Diurno “Santa Caterina Tre” ha presentato il Musical “St. Caterina’s Sisters” (parodia di “Sister Act”) presso il Teatro RADAR.

IL RACCONTO DELLA PROF.SSA GABRIELLA SPINOSA
Proprio così, ben tre standing ovation per lo strepitoso spettacolo teatrale che il centro diurno per diversamente abili “Santa Caterina Tre” di Monopoli ha ricevuto la sera della rappresentazione del 21 Giugno scorso, da un pubblico di spettatori che ha ‘vibrato’ all’unisono con gli oltre venti attori speciali sul palco, per la parodia del famoso film “SISTER ACT”.
Più di 400 persone, per tre volte, si sono alzate in un fragoroso e lungo applauso per omaggiare questi ragazzi che si muovevano sul palco come fosse il loro pane quotidiano.
Non ci sono parole sufficienti per descrivere l’impegno e la bravura degli attori protagonisti: Anna Perricci, Lisa Ranieri, Lino Berardi e Vito Serio, diretti nella regia e nella creazione dei testi dalla talentuosa e abile dott.ssa Katia Griseta e del valore aggiunto degli attori di supporto: dott. Nicola De Lauro e dott.ssa Rossella Zazzera. Grazie!
Sei mesi di grande lavoro, di vero teatro integrato, che ha visto la giusta riconoscenza in questo teatro cittadino colmo di spettatori esultanti, emozionati, entusiasti e divertiti come, forse, poche volte questo rinnovato luogo pubblico ha visto nel suo primo anno di nuova vita. Grazie a tutto il pubblico!
Due amministrazioni comunali, quella di Monopoli, nelle persone del Sindaco Annese e dei Consiglieri Comunali Alba, Contento e Piepoli, e quella di Mola di Bari nelle persone del Vicesindaco Orlando, l’assessore ai servizi sociali Lea Vergatti e il Consigliere Di Rutigliano che, con la loro presenza, hanno palesato una partecipazione ben al di là di quella ufficiale. Grazie!
A raccogliere i meritati applausi l’Amministratore e il Direttore del Centro Diurno S. Caterina 3 rispettivamente nelle persone del dott. Dellino e dott. Iurlaro, che ogni anno consentono a tutti i ragazzi che frequentano il Centro di avere un ruolo, piccolo o grande che sia, che faccia emergere le qualità e le abilità di ognuno di loro. Grazie!
Il risultato conseguito è senz’altro merito anche dei validi collaboratori interni della struttura e precisamente: Federica Martello e Chiara Maellaro per audio, video e grafica; Annalisa Fierro per le coreografie, Cristina Farì e Annalisa Colella per gli elementi scenici; Grazia Puteo per l’aiuto regia; gli O.S.S. di supporto Piero Di Bari e Patrizia Altamura e, come collaboratrice esterna, l’instancabile e insostituibile punta di diamante di questa grande squadra: Gabriella Spinosa per l’intera sartoria teatrale e non solo…Grazie a tutti voi!
E’ venuto fuori uno spettacolo straordinario, eccezionale, commovente e divertente allo stesso tempo, saggiamente calibrato in un mix di tante arti sceniche fra canzoni, coreografie di ballo, immagini, riprese video e recitazione, che ci ha sorpreso oltre ogni previsione… Se quella del 21 Giugno fosse stata una finale, questo spettacolo – ragazzi – avrebbe vinto! Grazie ancora e ancora!
Ma tutto questo non sarebbe stato possibile se al fianco della struttura che si occupa di persone con diversi gradi di disabilità non ci fossero stati i finanziatori del progetto, i generosi uomini nell’ombra: gli sponsor che, a diverso titolo, hanno consentito i costi dell’affitto del Teatro Radar, nella persona del Presidente della “Block Shaft” di Monopoli dott. Emilio Lacirignola, l’intera fornitura per la sartoria teatrale nella persona dell’Amministratore della “Cascione International” dott. Giuseppe Cascione, “Lido Pantano” per le riprese e l’ospitalità. Un grazie di cuore!
Questo lungo elenco di figure, che hanno consentito e sostenuto la realizzazione di questo spettacolo, lo sforzo attoriale pregevole di tutti i frequentatori del S. Caterina, questa enorme e splendida squadra, questo sogno realizzato non può concludersi in una sola replica… non vi riveliamo nulla del contenuto dello spettacolo, se non lo avete visto avrete altre possibilità, vi anticipiamo solo che, al più presto, verrà replicato in altri luoghi e in altre città.
Lettori dateci una mano e un grazie infinito a tutti quanti!