FOTO – Continua ad essere occupato abusivamente quel che rimane dell’ex “Modugno”

L’extracomunitario vi dimora ancora in precarie condizioni igienico-sanitarie in una rientranza del porticato

Continua ad essere occupato abusivamente quel che rimane dell’edificio che un tempo ospitava la scuola elementare “G. Modugno”, oggi “riconvertito” nell’ambito dei lavori di recupero e valorizzazione delle aree costiere in centro cittadino già sedimi delle scuole ‘Giovanni Modugno’ ed ‘Europa Libera’ ancora da terminare.

Oggi, l’extracomunitario vi dimora – sempre in precarie condizioni igienico-sanitarie – in una rientranza del porticato, dove si è accampato, come meglio poteva, con i suoi averi e cibo, tra cui borse e scarpe femminili che probabilmente vende per racimolare denaro.

Ma questa, purtroppo, non è l’unica situazione di disagio che si vive in città, dove un altro extracomunitario è stato fotografato a rovistare tra i rifiuti dei cassonetti stradali ed un’altra persona a dormire nella cavità artificiale di Cala Cozze, un tempo utilizzata per la vendita di mitili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.