Una ghiotta occasione per fare acquisti a prezzi da “fiera”

Anche quest’anno, la tradizionale Fiera dell’Annunziata si è rinnovata, ieri, a Monopoli, rappresentando ancora una ghiotta occasione per fare acquisti a prezzi da “fiera”.

Si tratta di uno degli appuntamenti più attesi che, così come quella di Santa Lucia del 12 e 13 dicembre, offre da tempo immemore la possibilità di acquistare mobili per ultimare l’arredamento di casa. Una tradizione che si rinnova il 25 marzo e che sopravvive da ormai 661 anni, attesa soprattutto dai bambini; come è da tradizione, nonni e genitori fanno la cosiddetta “fiera”: un dono (denaro, giocattolo o animale che sia) da portare a casa.

Presente anche l’U.N.I.T.A.L.S.I. – Sottosezione di Monopoli per promuovere la vendita di uova di Pasqua.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Fiera dell'Annunziata foto antica
Foto Archivio Brigida – L’appuntamento con la Fiera dell’Annunziata si ripete dal lontano 1358, quando fu istituita da Roberto D’Angiò o più probabilmente da sua nipote Giovanna I: aveva la durata di ben otto giorni per favorire gli scambi commerciali risparmiati dal pagamento dei dazi doganali e si teneva lungo la strada detta dei Mercanti (via Garibaldi).