La nota diramata dal movimento

In una nota, commentando l’operazione Spiagge Sicure Estate 2019, il movimento Manisporche sostiene che sarebbe utile un rafforzamento della pianta organica della Polizia Locale.

Oltre 4 milioni di euro spesi dal Ministero dell’Interno per l’operazione “Spiagge sicure”, di cui 42.000 euro a Monopoli.

La Lega monopolitana vanta di essersi addirittura spesa presso il Governo per ottenere questo privilegio, definito “una manna dal cielo”.

Multe fino a 7.000 euro per chi acquista merce contraffatta da venditori ambulanti, o per chi si fa fare massaggi o tatuaggi in spiaggia. Multe, per chi cede merce contraffatta senza autorizzazione da 2.582 a 15.493 euro, più la confisca della merce.

Tutto questo per mettere in campo azioni di prevenzione e di contrasto all’abusivismo commerciale ed alla contraffazione, per dare “risposte concrete a tutti quei commercianti che pagano regolarmente le tasse” e per dare una stretta al business che ruota attorno ai migranti.

Come al solito, invece di colpire le centrali mafiose che generano contraffazione e concorrenza sleale, si colpisce platealmente i soggetti più poveri e deboli della catena, magari sotto al sole e magari nelle ore del pienone, quando fa più scena.

Magari i problemi maggiori sono altri: il lavoro nero o sottopagato, i rifiuti, il disordinato e ossessivo traffico urbano, la qualità dell’aria e del sottosuolo. Tutte cose per le quali un rafforzamento della pianta organica della polizia locale sarebbe utile.