Gli ospiti passano in virtù di percentuali al tiro superiori e della serata di grazia di Latella        

Ennesima gara dalle grandi emozioni in una Palestra Melvin Jones gremita, in una serata in cui sono stati tanti quelli che purtroppo sono tornati indietro per il sold out o sono dovuti restare a guardare la partita sullo schermo di un computer da casa.

Ha vinto con pieno merito Ostuni, che ha capitalizzato in modo cinico le migliori percentuali al tiro ed ha trovato un Domenico Latella in autentica serata di grazia, capace di realizzare 27 punti in appena 25 minuti di utilizzo. La micidiale prestazione dell’ala calabrese ha trascinato i suoi compagni a violare il parquet monopolitano, accorciando così le distanze in una classifica che è ancora fluidissima a 3 giornate dal termine della stagione regolare.

L’Action Now! era pure partita benissimo, trovando dopo 5 minuti un 16 – 8 che sembrava un buon viatico. Non era invece affatto così, perché nei 5 minuti successivi Ostuni piazzava un break di 21 – 8 che la portava al primo intervallo breve in vantaggio (24 – 29). Era il segnale di una partita insolita per il team di Gianpaolo Ambrico, che come a Castellaneta perdeva subito lucidità soprattutto in fase difensiva, finendo per andare all’intervallo lungo sotto di 8, ma soprattutto subendo ben 52 punti.

Al rientro dagli spogliatoi Monopoli provava a difendere con maggiore intensità, ma Ostuni ribatteva colpo su colpo con Sherman e Kadzevicius, che supportavano con la loro qualità il bomber di giornata Latella. Ambrico provava anche a buttare sùbito in campo il nuovo arrivato Davide Varrone, malgrado la condizione fisica approssimativa del genovese, inattivo praticamente da un anno. Il lungo centro faceva quel che poteva e non demeritava, anche se inevitabilmente cambiavano con lui gli equilibri in campo della squadra, cosa che rendeva il gioco a tratti poco fluido. Capitan Torresi e Bosnjak lottavano su ogni pallone, ma ogni volta che Monopoli si avvicinava nel punteggio Ostuni trovava energia per restare avanti, fino alle due triple di Tommy Manchisi che facevano di fatto scorrere i titoli di coda con un paio di minuti di anticipo.

Ostuni vince e spera adesso di chiudere al secondo posto, Monopoli dovrà lottare invece per conservarlo, avendo un pesante 0 – 2 negli scontri diretti. Fondamentale sarà ritrovare alla svelta la compattezza difensiva, perché, dopo gli 87 punti subìti a Castellaneta, i 90 incassati a domicilio da Ostuni sono un chiaro segnale di una sofferenza cui il coach materano dovrà porre rimedio.         

ACTION NOW! MONOPOLI – CESTISTICA OSTUNI  83 – 90

(1° Q: 24 – 29; 2° Q: 44 – 52; 3° Q: 57 – 73)

ACTION NOW! MONOPOLI: TORRESI 23, PAPARELLA 12, BOSNJAK 23, ROLLO 3, ZARIC 1, CALISI 4, ANNESE 5, FORMICA 5, VARRONE 7, MICCOLI.  COACH AMBRICO, ASS.COACH LOVECCHIO

CESTISTICA OSTUNI: MANCHISI 8, CALOIA 2, KADZEVICIUS 17, SHERMAN 12, LATELLA 27, TEOFILO 17, FIUSCO 7, BRUNO, TANZARELLA, N.E.: GIANNOTTE. COACH: ROMANO

Arbitri: Paradiso e Procacci

UFFICIO STAMPA ASD ACTION NOW! BASKET MONOPOLI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.