Il 5 febbraio, presso l’aula magna di via Procaccia dell’IISS “Luigi Russo” di Monopoli, una rappresentanza di studenti dell’Istituto Professionale di Manutenzione e Assistenza Tecnica e dei Servizi per la Sanità e l’Assistenza Sociale, del Liceo Musicale e del Liceo Artistico hanno partecipato all’incontro con la dott.ssa Annamaria Minunno, coautrice del libro “Io valgo di più. Storie di Bullismo e Cyberbullismo”. Ogni giorno, in metà delle scuole italiane avviene un episodio di bullismo. Non c’entra il degrado, ma l’incapacità dei ragazzi di gestire le emozioni. Le conseguenze possono essere molto gravi, sia per le vittime, minate nella loro autostima, sia per i bulli, che, in modo diverso, manifestano lo stesso bisogno di conferme. Organizzare questo incontro-dibattito in occasione della giornata del Safer Internet  Day è stato importante non solo per sensibilizzare, ma anche per porsi in quell’atteggiamento di ascolto indispensabile per cogliere i segnali di un malessere, perché intervenire per tempo è spesso l’unica soluzione per salvare vittime e bulli dalle conseguenze delle loro azioni. Con l’evolversi delle nuove tecnologie, con l’espansione della comunicazione elettronica e online, il bullismo tra i nativi digitali ha assunto forme subdole e pericolose che si configurano sempre più come l’espressione della scarsa tolleranza e della non accettazione dell’altro, spesso identificato come “diverso” per i più svariati motivi. Gli studenti hanno potuto confrontarsi e vivere un’esperienza formativa significativa sull’uso consapevole e corretto delle “piazze virtuali”, non con l’intento di colpevolizzare le tecnologie, ma con l’obiettivo di fare opera d’informazione, divulgazione e conoscenza per garantire comportamenti corretti in Rete, intesa quest’ultima come “ambiente di vita” che può dar forma ad esperienze sia di tipo cognitivo che affettivo e socio-relazionale. A seguito dell’attenta lettura  del libro condotta in classe, che ha destato interesse e aperto a spunti di riflessione profondi, gli stessi hanno ravvivato il dibattito soffermandosi su alcune pagine del libro. Partendo dalla definizione di bullo per giungere al concetto di “omertà, indifferenza, muri di gomma”, il dibattito si è soffermato sulle logiche che si innescano in queste dinamiche e sulle tristi e drammatiche conseguenze che in alcuni casi si sono verificate. Il contributo dell’autrice e dei docenti intervenuti è stato determinante nel rendere l’incontro non un semplice momento formativo, ma una condivisione viva di esperienze. L’incontro è servito anche per richiamare la Legge 71 del 2017 che legifera dal punto di vista prevalentemente educativo e preventivo sul fenomeno del bullismo. L.T.