Il report di ARPA Puglia

Presenza molto abbondante di Ostreopsis Ovata a Monopoli anche nella seconda quindicina di settembre nei campioni prelevati dall’ARPA Puglia al Castello S. Stefano (unico punto di prelievo per Monopoli) nelle acque di fondo e, modesta invece nelle acque di colonna.

 

Il periodo di maggiore fioritura e perciò di maggiore pericolo di elevata tossicità, specie lungo le coste rocciose e frastagliate contro cui si infrangono le onde complice il vento di maestrale si concentra infatti tra la seconda metà di luglio e la seconda quindicina di agosto. Le microparticelle di acqua di mare portano in sospensione l’alga, che diventa tossica per via dell’inalazione di questo aerosol marino. Come già vi abbiamo  spiegato durante le scorse annate, i sintomi da intossicazione sono soggettivi e perciò differenti da persona a persona; si passa da faringite, tosse, disturbi respiratori a nausea, cefalea, congiuntivite e dermatite e, in alcuni casi compare anche qualche linea di febbre.