L’Assessore Perricci replica alle polemiche sulla presentazione del nuovo gestore del RADAR a Bari

«Conferenza al Petruzzelli per annunciare intesa; al Radar sarà presentato il cartellone della prima stagione»


Uno “sgambetto” ai monopolitani per Papio la presentazione del nuovo gestore del RADAR a Bari


All’indomani dello “sfogo” del Consigliere Comunale Angelo Papio (Manisporche) che, attraverso i social, disapprovava la decisione di presentare il nuovo gestore del Cinema/Teatro/Auditorium RADAR a Bari, replica l’Assessore alla Cultura Rosanna Perricci.
«Sono rammaricata delle polemiche inutili e pretestuose sulla presentazione del concessionario del Teatro Radar che avverrà il prossimo 5 settembre. La scelta del Teatro Petruzzelli quale sede di presentazione alla stampa di chi gestirà la struttura è giustificata dal fatto che l’importante contenitore culturale monopolitano, restituito alla città dopo 33 anni di assoluto abbandono, sarà inserito in un circuito teatrale che supererà i confini comunali e che si rivolgerà all’intera regione e oltre – spiega in una nota – D’intesa con il gestore “Teatri di Bari” si è scelto Bari perché si vuole presentare il nuovo Radar ad un parterre più ampio. E la scelta del Petruzzelli non è occasionale: nel corso della conferenza sarà annunciata un’intesa, da formalizzare con un protocollo, tra il teatro barese e il Radar che permetterà a Monopoli di beneficiare di eventi di grosso calibro in programmazione nel capoluogo. Pertanto, non si è voluto assolutamente delocalizzare il Radar e nemmeno delocalizzare i meriti che restano e resteranno di Monopoli»,afferma l’Assessore.«Alla conferenza stampa di mercoledì prossimo a Bari seguirà una presentazione ufficiale a tutta la Città presso il Radar a Monopoli. Non per presentare il soggetto gestore, ma per presentare ai monopolitani il cartellone degli eventi della prima stagione non appena questa sarà pronta», conclude l’Assessore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *