Amministrative 2018, Nuccio Contento rinuncia alla carica di consigliere comunale

Lo sfogo post-voto: “Non è stato sufficiente per arrivare al ballottaggio, per la forza elettorale della destra e per l’inconsistenza del M5S”

“Non è stato sufficiente per arrivare al ballottaggio, per la forza elettorale della destra e per l’inconsistenza del M5S”.

Con queste parole, all’indomani delle Elezioni Amministrative 2018 che l’hanno visto candidato Sindaco, Nuccio Contento commenta i risultati elettorali nella nota che vi riportiamo integralmente quì di seguito, con la quale altresì ribadisce di rinunciare alla carica di consigliere comunale.

 

 

Il voto deve essere, innanzitutto, rispettato; poi – quando l’emotività lascerà il posto alla razionalità – saranno fatte le valutazioni e le analisi.
Noi, abbiamo provato a costruire un percorso di partecipazione e di condivisione politica alternativo a quello proposto da Angelo Annese e dalle sue liste. Gli elettori hanno ritenuto, legittimamente, di confermare la coalizione che ha amministrato la città per dieci anni.
Sicuramente, in una competizione elettorale si può vincere o perdere, non ci sono buoni piazzamenti; tuttavia – visto che mi viene chiesta una riflessione – posso dire che il nostro obiettivo era una cifra elettorale tra il 35 ed il 40%, risultato che abbiamo raggiunto. Non è stato sufficiente per arrivare al ballottaggio, per la forza elettorale della destra e per l’inconsistenza del M5S.
Voglio, sinceramente, ringraziare le cittadine ed i cittadini che hanno votato per le nostre liste, i nostri candidati e per me; voglio abbracciare, con affetto, tutte le ragazze ed i ragazzi, le donne e gli uomini che hanno lavorato per raggiungere questo risultato con instancabile ed amorevole passione. Una passione ed un coraggio che
non si vedevano da tempo nella nostra comunità.
Voglio, infine, fare gli auguri sinceri a Angelo Annese, augurandomi, come cittadino, che possa fare il bene della nostra comunità. 
Un’ultima annotazione. Io, come avevo già detto, non farò il consigliere comunale, perché la legge non mi consente di farlo. Dovrei licenziarmi, ma ho un dovere morale nei confronti della mia famiglia e, quindi, non posso. Vorrei, comunque indicare un “percorso” alle elette ed agli eletti della coalizione PROGETTO MONOPOLI 2023. Il centrosinistra di Monopoli, deve ripartire da questo risultato, per cancellare le divisioni derivanti dai particolarismi e dalle inutili e fatue ambizioni personali, per costruire una “moderna ed innovativa” proposta politica ed una “nuova e capace” classe dirigente capace di mettere un macigno sulla politica logora, autoreferenziale, inutile e dannosa degli ultimi tempi.
Infine, non l’ho mai fatto in questi mesi, vorrei farlo oggi. Voglio ringraziare la mia famiglia, mia moglie e le mie figlie, ma anche tutti gli altri parenti ed amici che ci sono stati vicini; senza il loro affetto non avremmo potuto fare ciò che (insieme) abbiamo fatto.

Grazie a tutti per questi mesi meravigliosi.