Acquisto area ex cisterne di raccolta acqua Vasconi Le Fogge

La Giunta Comunale ha approvato la manifestazione di interesse

Nella seduta odierna, la Giunta Comunale di Monopoli guidata dal Sindaco uscente Emilio Romani ha manifestato l’interesse dell’Ente all’acquisizione del compendio immobiliare di proprietà di Ferrovie dello Stato Italiane spa in via San Marco angolo via Pesce (Ex cisterne di raccolta acqua Vasconi Le Fogge). L’esecutivo ha dato indirizzo ai Dirigente dell’Area Organizzativa Tecnica II e III affinché pongano in essere le attività necessarie per sottoporre al Consiglio Comunale la proposta di acquisto.

Il compendio è costituito da un’area occupata da un sistema di raccolta e distribuzione delle acque meteoriche a servizio delle locomotive a vapore dell’antica stazione ferroviaria di Monopoli. Realizzato indicativamente fra la metà del XIX e i primi anni del XX secolo e situato all’interno dell’alveo di Lama Belvedere e oggi dismesso, è costituito da un sistema di cisterne, fra loro comunicanti e con una capacità complessiva di 50.000 metri cubi. Le cisterne sono collegate mediante una serie di canalizzazioni, attraverso cui le acque piovane che si accumulavano lungo gli adiacenti torrenti “Belvedere” e “Sette Monti” venivano convogliate nelle vasche di raccolta e da qui, per mezzo di un condotto sotterraneo, giungevano fino all’antica stazione ferroviaria di Monopoli.

Con decreto della Commissione Regionale per il Patrimonio culturale delle Puglia del MIBACT  n.130 del 26 maggio 2016 l’impianto è stato riconosciuto di interesse culturale.

Il valore dell’intero compendio stimato da Ferrovie dello Stato Italiane spa ammonta € 44.620,00. L’acquisizione al patrimonio dell’Ente del compendio immobiliare in oggetto consentirebbe di recuperare e valorizzare una porzione di area oggi inglobata nell’ambito urbano in quanto insiste in un quartiere residenziale ed è confinante con un compendio scolastico (Polo Liceale),  nonché di completare le azioni già avviate sul sistema torrentizio ripristinando l’originaria funzione del compendio di sistema di raccolta delle acque meteoriche, in coerenza con gli indirizzi regionale contenuti nel Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020, finalizzati ad incrementare la disponibilità di risorsa idrica.