Migranti e ambiente, gli interrogativi dell’Associazione Monopoli 5 Stelle

Si torna a sollecitare una risposta da parte dell’Amministrazione Comunale

Ritornando sulla spinosa questione dei migranti convinta che se il Comune avesse partecipato allo SPRAR, come suggerito per tempo, Monopoli ora si troverebbe a gestire un numero inferiore di migranti in un contesto equilibrato e compatibile rispetto alle esigenze della cittadinanza, l’Associazione “Monopoli 5 Stelle” torna a sollecitare una risposta da parte dell’Amministrazione Comunale in materia di ambiente.

Gli attivisti si chiedono infatti che fine abbiano fatto il monitoraggio ambientale dopo l’alzata di scudi di tutto il Consiglio Comunale monotematico del 28 novembre scorso ed il varo di un progetto fattibile di monitoraggio da parte dell’ing. D’Onghia che si doveva presentare ad Agosto.

Inoltre, l’associazione chiede dove siano i monitoraggi semestrali, l’utilizzare piezometri per verificare l’eventuale inquinamento delle falde acquifere, la messa in opera di un progetto per la captazione di una probabile fuoriuscita di biogas e la messa in sicurezza di Cava Caramanna.

Infine, nella nota diramata in data 14 settembre 2017, Monopoli 5 Stelle si interroga infine su di chi sia la responsabilità di “un sistema fognario e di un depuratore che d’estate, considerato l’aumento esponenziale della popolazione, non regge il carico dei liquami che per questo vengono sversati nel mare della Porta Vecchia e fanno esplodere i tombini al Capitolo allagandone la via principale”.

 

198 Visite totali, 1 visite odierne

Redazione The Monopoli Times

“The Monopoli Times, la nuova frontiera dell’informazione” – www.monopolitimes.com

Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Bari R.G. 4349/2014 Reg. Stampa 33