L’ingente quantitativo è stato sequestrato dalla Polizia di Stato

Un ingente quantitativo di tritolo – residuato bellico – è stato recentemente rinvenuto a Monopoli, nei pressi di un vivavio sito lungo una arteria secondaria che costeggia la S.S. 16. Più precisamente trattasi di alcune “barrette” di esplosivo del tipo T4 per un peso complessivo di 745 grammi. Sul posto interveniva personale della Polizia Scientifica di Monopoli e la Squadra Artificieri di Bari per la rimozione dell’esplosivo.

Nelle ultime giornate da parte del Commissariato P.S. di Monopoli, ad integrazione delle attività operative e nell’ambito dei servizi straordinari disposti dal Questore di Bari, Dirigente Generale dott. Carmine ESPOSITO, sono stati realizzati specifici servizi e pattugliamenti finalizzati al contrasto dei furti negli appartamenti e nelle abitazioni ubicate nelle contrade di Monopoli. L’attività operativa intensissima in questo ultimo periodo ha prodotto un risultato fondamentale di drastica riduzione dei reati predatori.
Particolari servizi preventivi sono stati svolti anche sul litorale finalizzati al contrasto del fenomeno del traffico ingentissimo di droga attuato con sbarchi di natanti sulla costa.
Nello svolgimento di tale costante attività di prevenzione che risulta fondamentale per convogliare le risorse investigative sui “casi residui” accertati, è risultata indispensabile la collaborazione del Reparto Prevenzione Crimine di Bari della Polizia di Stato, che con l’invio di numerosi equipaggi nel territorio di Monopoli con un impegno mai effettuato in precedenza, sta contribuendo notevolmente alla riuscita dell’attività preventiva.

L’operazione di polizia di tipo preventivo ha consentito di monitorare complessivamente tutto il territorio monopolitano in modo intensissimo in questi giorni con il diretto controllo di 521 persone, di 222 veicoli in modo diretto e ben 1446 autoveicoli venivano controllati con metodi automatizzati, con l’acquisizione di numerosi dati di interesse e il controllo di nr.3 esercizi pubblici. Venivano contestate, altresì, n.3 infrazioni alle normative relative alla circolazione stradale con un ritiro di un documento. Ben 35 i controlli alle persone sottoposte a misure restrittive, nr. 3 perquisizioni e numerosissimi posti di controllo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.