Progetto Crocus : un fiore per non dimenticare

L’ I.C. “Dieta – Sofo” promuove l’Educazione alla Memoria permanente
Accogliendo la proposta della Fondazione Irlandese per l’insegnamento sull’Olocausto, Holocaust Education Trust Ireland, l’Istituto “via Dieta – V. SOFO” ha aderito al “Progetto Crocus”, che coinvolge migliaia di scuole in tutta Europa.
Su richiesta della Referente, prof.ssa Ostuni Anna, la Fondazione ha provveduto ad inviare alla Scuola 100 bulbi di crocus gialli che sono stati piantumati a dicembre dagli alunni delle classi quinte della scuola primaria e delle prime della secondaria di I grado, in memoria del milione e mezzo di bambini ebrei che morirono nell’Olocausto e delle migliaia di  altri bambini che furono vittime delle atrocità naziste. I fiori gialli, che fioriscono all’inizio di febbraio, ricordano le stelle di Davide che gli Ebrei erano costretti a cucire sugli abiti durante il dominio nazista.
La seconda fase del Progetto ha visto la realizzazione, da parte di ciascun ordine di scuola aderente, di una attività didattica e operativa che, utilizzando i bulbi di crocus, ha promosso riflessioni e consapevolezza sul tema dell’Olocausto perché, come afferma la D.S. dott.ssa Camarda, “non si può, non si deve, non è ammissibile dimenticare, …perché solo la memoria consapevole del passato può seminare la speranza di un presente e di un futuro davvero umano!”
Pertanto, in occasione della Giornata della memoria, presso la sede della S.M. “SOFO” i giovani germogli, nel frattempo spuntati, hanno fatto da cornice allo spettacolo teatrale a cura del teatro delle Molliche intitolato “BAR MITZVAH”, cui hanno partecipato le classe terze per riflettere sui pericoli della persecuzione, dei pregiudizi e dell’intolleranza.
L’allestimento di un angolo dedicato alla Memoria della Shoah sarà presentato alla cittadinanza domenica 29 gennaio, in occasione dell’Open Day: un modo semplice e tangibile per aumentare la consapevolezza dei rischi del razzismo, della discriminazione e dell’odio ed al contempo dell’importanza della tolleranza e del rispetto. Ammirare la fioritura dei Crocus gialli sarà ogni giorno occasione per ragazzi, docenti e genitori per riflettere sui valori più profondi della convivenza civile.
Le classi 4^ e5^ della scuola primaria, dopo la proiezione di un cortometraggio, hanno partecipato all’incontro-dibattito con Pasquale B. Trizio, autore del libro “La storia nascosta”, che narra le vicende di una famiglia pugliese durante l’Olocausto.
Il Progetto, di durata annuale, proseguirà in primavera con la raccolta e l’essiccamento dei fiori che saranno utilizzati dagli alunni della secondaria per la realizzazione di segnalibri da donare a settembre prossimo ai futuri nuovi alunni con i quali hanno condiviso la piantumazione, nell’ottica della continuità educativa che l’Istituto Comprensivo promuove sin dalla sua costituzione e che si traduce in segni tangibili…perché i segni aiutano “a non dimenticare”.
Prof.ssa Ostuni Anna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.