All’Istituto Professionale, una lezione sui droni

 

Sabato 21 gennaio presso l’aula magna di via Procaccia dell’IISS “Luigi Russo”, l’ing. Massimo Magnotta ha tenuto una lezione laboratoriale dal titolo “Droni e loro applicazioni”. Direttore della M2G engineering Srl, società leader nella progettazione ed esecuzione di impianti tecnologici, l’ing. Magnotta ha spiegato gli aspetti teorici relativi ai principi di aerodinamica che permettono ad un drone di alzarsi in volo e muoversi e gli aspetti tecnici relativi ai materiali con cui un drone è realizzato e al funzionamento dello stesso in settori assai diversificati. Molto utilizzato per monitorare la buona pratica esecutiva di un cantiere per prevenire l’insorgere di particolari problemi, il drone è ormai utilizzato in topografia per la rapidità di esecuzione del rilievo che comporta una notevole riduzione dei costi, alla termografia per la ripresa con termocamera, all’archeologia, agricoltura, nella pubblica sicurezza, ma anche nella pubblicità e nell’entertainmet.
Ad assistere alla lezione gli studenti dell’Istituto Professionale di Manutenzione e Assistenza tecnica e gli alunni della classe V D del Liceo artistico, indirizzo “Audiovisivo e Multimediale”, interessati a cogliere non solo le potenzialità dei droni in campo lavorativo, ma anche gli aspetti più operativi. La dimostrazione pratica del volo ha permesso di capire quanto sia importante agire in sicurezza adoperando tutte le misure necessarie affinché un drone costituisca un supporto versatile e sicuro al lavoro. La visione prospettica che il drone permette di avere non è solo suggestiva e affascinante, ma anche utile in tante situazioni in cui è necessario utilizzare un veicolo senza pilota capace di essere comandato a distanza attraverso un segnale radio. I droni sono dispositivi apparentemente semplici, ma gli aspetti meccanici ed elettronici che li caratterizzano fanno sì che risultino estremamente delicati e complessi. È necessario non improvvisarsi piloti, per questo è previsto un brevetto, ed è necessario non considerarli dei giocattoli, perché non lo sono. L.T.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.