Individuazione di un soggetto che realizzi il progetto con il coordinamento dell’Amministrazione

Nella seduta di questa mattina, la Giunta Comunale ha espresso indirizzo affinché la gestione della nuova biblioteca “Prospero Rendella” (i cui lavori di restauro e di riorganizzazione sono in via di conclusione) sia gestita direttamente dal Comune di Monopoli con sovrintendenza e coordinamento dell’Ente attraverso l’Assessorato di competenza, la Dirigenza ed il Responsabile/Direttore della biblioteca.

Nella delibera si evidenzia che “con la gestione la biblioteca, nuova “piazza del sapere” della Città di Monopoli, divenga un luogo moderno, multimediale e multiculturale, capace di trasformarsi in sintonia con il cambiamento dei pubblici, delle tecnologie, delle relazioni sociali, delle condizioni economiche”. Quindi “non un luogo di mera conservazione documentaria, frequentato solo da pochi utenti che lo utilizzano come sala studio ma che acquisisca un ruolo attivo nel processo di coesione e crescita territoriale” quale «luogo polifunzionale, convergente e inclusivo, capace di attivare nuove energie nella comunità”. Si specifica che“la tecnologia divenga un punto di forza del progetto Rendella”, facendola diventare “il luogo dove, oltre a trovare libri, si possano offrire questi servizi gratuitamente a tutti”. Inoltre, si dà indirizzo che “le porte della Rendella, affacciate su Piazza Garibaldi, siano aperte al pubblico il più possibile, anche il sabato e la domenica”, che “sia attuato un progetto culturale declinato in molteplici attività, con l’obiettivo di attirare target di visitatori diversi” e che “la gestione preveda strumenti atti ad assicurare ai cittadini, alle associazioni e alla comunità scientifica la partecipazione alle attività”. Si aspira a “fare della Rendella un luogo in cui si potrà leggere, ascoltare, vedere, suonare, partecipare, etc.”, “un luogo aperto e molteplice: sarà biblioteca, libreria, makerspace, fablab, ludoteca, scuola, luogo di cooworking, ci saranno libri di tutti i genere e formati, informazioni legate alla vita di tutti i giorni, nuove tecnologie, spazi per attività culturali, laboratori e incontri”.

Preso atto che “è ad oggi obiettivamente impossibile garantire la gestione della biblioteca comunale solo con personale interno” è stato disposto che per i primi anni di gestione decorrenti dall’apertura sia messo “a disposizione dell’Ente comunale un soggetto specializzato che sotto il coordinamento dell’Amministrazione sia in grado di realizzare il progetto culturale della Biblioteca Rendella attuando le direttive della Giunta e del Dirigente e affiancando il personale interno”. Il soggetto da individuare dovrà garantire “oltre ad una maturata esperienza in ambito bibliotecario anche capacità di svolgere la funzione di animazione culturale con capacità di relazione e di accoglienza; capacità di stimolare la curiosità della cosiddetta non-utenza, capacità di assecondare utenze diverse con richieste e comportamenti differenti e incontrare il loro favore, di promuovere le risorse e i servizi attraverso i canali convenzionali oppure le nuove tecnologie”.

L’indirizzo espresso dalla Giunta è quello di indire una specifica procedura di gara ad evidenza pubblica con il criterio di scelta del contraente dell’offerta economicamente più vantaggiosa per l’individuazione di un soggetto, di comprovata esperienza e professionalità nelle gestione di biblioteche e centri culturali, prevedendo una start-up si articoli di due anni con opzione di ulteriori due. Le somme a disposizione sono di € 100.000,00 per l’anno 2017 e di € 130.000,00 annui per gli anni successivi (2018 – 2020).

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.