La “Campana d’Arte”, opera artistica realizzata dalle studentesse Gaia Alba, Daniela Annese, Valentina Aprile, Marika Cardone, Esmeralda Dibello, Anna Maria Fabbiani, Giusi Fasano, Lusiana Furio, Pasqua Mileti, Giada Sumerano, dell’indirizzo “Design Arte del Tessuto” del Liceo Artistico – IISS “Luigi Russo” di Monopoli, è stata selezionata per la prima Biennale nazionale dei Licei artistici e sarà esposta fino al 15 gennaio presso Palazzo Venezia a Roma.

Il concorso prevedeva l’ideazione, la progettazione e la realizzazione di opere artistiche sul tema del “Gioco” ispirandosi all’aforisma di Schiller “L’uomo è completamente uomo solo quando gioca” e aveva la finalità di intercettare, coinvolgere, stimolare e valorizzare le energie creative dei Licei artistici italiani. La partecipazione era aperta anche a scuole d’arte europee e scuole extraeuropee, le cui opere erano presentate fuori concorso.

La “Campana d’Arte” è costituita da pannelli di legno riciclato, dipinti con colori acrilici, posati sul pavimento e assemblati seguendo la numerazione delle 10 poste della campana classica, che ripropone in modo creativo e originale l’antico gioco che animava, anni fa, le strade e le piazze di bambini allegri e capaci di divertirsi con poco. È questa la tematica che ha ispirato l’ideazione dell’opera realizzata dalle alunne sotto la guida della prof.ssa Gianna Castrignano, dando prova di eccellenza della propria maestria acquisita a scuola.

Arte per strada, arte come gioco, gioco come arte, il gioco come “strumento di educazione all’arte”. Via alla tristezza dell’asfalto, largo alla vitalità del colore attraverso i capolavori del ‘900 di Dalì, De Chirico, Kandinsky, Monet, Van Gogh, Matisse, Depero, Picasso, Klee e Klimt. Via gli squallidi paesaggi urbani, largo ai paesaggi di sogno dell’arte. Basta poco per re-inventare un gioco antico come l’uomo. Basta l’arte a re-inventare l’infanzia come dimensione “immaginifica”.

La “Campana d’Arte” è stata scelta tra oltre 500 elaborati presentati al concorso ed è esposta alla mostra realizzata in collaborazione con il MIBACT – Polo Museale del Lazio, assieme ad altre opere di 90 Licei artistici italiani, spagnoli, inglesi, francesi, cinesi, coreani ed estoni. Le opere, selezionate dal Comitato Tecnico scientifico di questa prima Biennale, organizzata da ReNatiArt (Rete nazionale dei Licei artistici) cui il Liceo artistico “Luigi Russo” ha aderito, sono state pubblicate nel catalogo della mostra-concorso, sotto l’alto patrocinio del Parlamento Europeo. L’intero evento rientra nel progetto “Arte in cattedra”, finanziato dalla Direzione generale per gli ordinamenti del MIUR.

Durante la giornata inaugurale della mostra del 15 dicembre nella Sala conferenze di Palazzo Venezia a Roma, gli studenti hanno potuto partecipare al convegno sul tema “Licei artistici e beni culturali”, durante il quale sono state annunciate le opere premiate dalla Giuria composta, tra gli altri, dallo storico dell’arte Claudio Strinati e dalla regista Cristina Comencini e i premi assegnati dagli sponsor Thun e Fondazione Cologni.

Inoltre, il 15 gennaio, saranno assegnati i due premi del pubblico per le opere (italiana e straniera) più votate on line sulla pagina Facebook e su Instagram.

La Biennale dei Licei artistici è un’esperienza di grande respiro nazionale che punta ad accendere sempre di più i riflettori sulla realtà dei Licei artistici, istituzioni scolastiche che in Italia più che altrove continuano a conservare il ruolo di fucina di arte, cantieri di creatività, laboratori d’idee. L.T.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.