Gli atti vandalici si sono registrati a ridosso del centro storico cittadino

Quartiere INA Casa e Largo Portavecchia sono state le zone dove si sono registrati danni all’arredo urbano a seguito dei Botti di Capodanno.

Due, i contenitori per la raccolta del vetro che si sono incendiati ed altrettanti cestini gettacarte sono stati irrimediabilmente danneggiati dallo scoppio di petardi; tutti e quattro rimossi nella mattinata odierna.

Danneggiata anche la seduta in legno di una delle panchine recentemente installate a Portavecchia.

Atti vandalici di cui è difficile trovare i responsabili. D’altronde, però, il fenomeno del vandalismo non tramonta mai; qualche sera fa, un gruppetto di ragazzi si divertiva a battere con forza su uno dei totem informativi installati a ridosso del fossato di via Cadorna.

Ritornando all’argomento in questione, quello relativo ai botti di Capodanno, anche quest’anno, non è stata emessa nessuna ordinanza che li vietasse. Fortunatamente, però, nei giorni precedenti, gli agenti del locale Commissariato di Pubblica Sicurezza coadiuvati dal Nucleo Artificieri della Questura di Bari hanno eseguito disparati controlli preventivi per limitare danni e feriti.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.