VIDEO – Caso Xylella Fastidiosa, il monopolitano Leonardo Capitanio intervistato al TG5

Le aziende vivaistiche hanno riportato un inevitabile calo dei profitti a causa della “diffidenza” dei clienti

Il caso “Xylella Fastidiosa” torna a far parlare di sé a seguito della decisione (imposta dall’Unione Europea) di abbattimento della pianta di ulivo secolare risultata infetta ad Ostuni; il primo caso, verificatosi dalle nostre parti e non in Salento.

Ieri sera, infatti, nell’edizione delle 20:00 se ne è parlato in un servizio ad hoc del TG5 su Canale 5 (min. 0:28:48).

Sull’argomento è stato interpellato il monopolitano Leonardo Capitanio (Vice Presidente dell’Associazione Nazionale Vivaisti espositori) che, aprendo le porte dell’ormai nota azienda vivaistica di famiglia, ha rilasciato una breve intervista per raccontare quello che sta accadendo: «Un tempo andavamo fieri di mettere nei nostri cataloghi o nei nostri stand il marchio Puglia, che forse dovremmo iniziare a tenere un po’ nascosto, perché ovviamente in questo clima di incertezza il cliente nelle nostre aziende ha il timore di comprare piante».

Un aspetto che ha provocato un inevitabile calo nei profitti dei vivaisti: «Noi (come azienda vivaistica) abbiamo riportato un danno che si aggira intorno al 10%; un po’ più basso rispetto ad altri perché facciamo un fortissimo sforzo commerciale, ma ci sono purtroppo aziende rappresentate dalla nostra associazione che hanno subito danni intorno al 30/40 %».

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.