Primo incontro con i laboratori: INFORMATICA

I ragazzi delle classi prime dell’IISS “Vito Sante Longo” di Monopoli al loro primo approccio con il linguaggio informatico attraverso il Coding, termine inglese per programmazione. Nelle scuole moderne come l’Istituto Tecnico “Vito Sante Longo” la programmazione informatica si fonde con i più moderni principi didattici, con tecniche di formazione che si sono andate sviluppando nel tempo, basate sull’idea che imparare può e dovrebbe essere divertente, piacevole, stimolante.
Le lezioni di coding, dunque, non sono tradizionali corsi di informatica in cui si impara a usare gli oggetti digitali. I ragazzi lo sanno fare già, spesso molto meglio degli adulti. Il coding è un salto di qualità che introduce al pensiero computazionale, cioè a realizzare un’idea o risolvere un problema facendo leva sulla creatività e sugli strumenti giusti.
Al “Vito Sante Longo” la sperimentazione sul coding viene attuata grazie all’entusiasmo e alla caparbietà degli insegnanti che ci credono.
Il coding non piace soltanto agli insegnanti di informatica e matematica: da noi l’approccio è stato multidisciplinare: si impara giocando, partendo dalle istruzioni per mettere in sequenza blocchi di mattoncini: avanti, dietro, su giù. Ogni blocco è un’azione più o meno complessa e più le difficoltà aumentano, più ci si avvicina al codice informatico che anima le applicazioni e i software che siamo abituati a usare.
Entusiasmo e curiosità alle stelle, impossibile non farsi contagiare da questi ragazzini molto presi da questa nuova attività organizzate al fine di trasmettere loro nuova conoscenza
Se, come qualcuno afferma, il coding può diventare un pilastro sulla strada della nuova alfabetizzazione, non è sufficiente l’entusiasmo di insegnanti e scolari. È necessario che diventi sempre più parte integrante del curriculum scolastico. Per farlo occorre che le scuole, come l’Istituto “Vito Sante Longo”, siano dotate degli strumenti didattici indispensabili, a cominciare dall’accesso a Internet.
Il nostro l’obiettivo è di rendere più digitale la nostra scuola, formando gli insegnanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.