FOTO – Installato il nuovo stemma episcopale

Questo slideshow richiede JavaScript.

Domenica, ore 00:06

 

È stato collocato sul Palazzo Vescovile e la facciata principale della Cattedrale

Nei giorni scorsi, il nuovo stemma episcopale è stato già installato sul Palazzo Vescovile e sulla facciata principale ed il trono episcopale della Basilica Cattedrale “Maria SS della Madia”.

La città di Monopoli è ormai pronta per accogliere il nuovo Vescovo della Diocesi Conversano-Monopoli S.E.R. Mons. Giuseppe Favale che, ieri, si è finalmente insediato a Conversano.

Quest’oggi, infatti, il nuovo Pastore sarà accolto alle ore 17:30 in Piazza Vittorio Emanuele II da autorità civili e militari. A seguire, si raggiungerà la Cattedrale per la celebrazione eucaristica: in processione, dall’ingresso della sacrestia in via Molini, il Vescovo Favale percorrerà Piazza Manzoni sino a giungere all’interno del sottopasso pedonale per attraversare il sagrato (dove saranno allestite 500 sedie ed un maxischermo per permettere a tutti di assistere alla solenne funzione religiosa) e fare ingresso in chiesa. 

In caso di pioggia, l’accoglienza sarà riservata all’interno della Chiesa di San Francesco d’Assisi sita in Largo Plebiscito e sarà seguita soltanto dalla celebrazione eucaristica in Cattedrale.

LO STEMMA DI MONS. GIUSEPPE FAVALE

stemma-Favale-(400x400)-(FILEminimizer)Lo stemma di S. E. R. Mons. Giuseppe FAVALE, Vescovo eletto della Diocesi di Conversano – Monopoli, è costituito – oltre che dai classici elementi di ornamento, come il cappello prelatizio di verde con i fiocchi da vescovo – da uno scudo di foggia rinascimentale accollato a una croce in oro ornata da cinque gemme rosse, che indicano le piaghe del Signore crocifisso e risorto.

Si può blasonare come segue:

Interzato in scaglione: nel 1° al fusato d’argento e di rosso; nel 2° allo scaglionetto d’azzurro caricato di una stella (7 punte) d’argento a destra e di un fiore di nardo d’oro a sinistra; nel terzo dell’ultimo. (Blasonatura del dott. Renato Poletti)

Interpretazione

L’alternanza dei fusi rossi e bianchi al primo allude al sacrificio di Cristo sulla croce, come narrato nel Vangelo di Giovanni (cf 19,34), laddove si legge che dal costato trafitto del Salvatore fluirono il sangue e l’acqua – significati dall’accostamento dei due smalti – che l’interpretazione patristica ha voluto indicare come simboli dei sacramenti del Battesimo e dell’Eucaristia.

Da tale fiume di grazia è costituita e irrorata la Chiesa, che lo scaglionetto di blu (colore caro alla tradizione iconografica orientale per indicare la natura umana e qui usato per significare tutti i membri della Chiesa) traduce alludendo, con la sua forma, alla copertura di un edificio. Tra le immagini con cui nel Nuovo Testamento ci è stata rivelata la natura intima della Chiesa – come ricorda il Concilio – vi è quella della costruzione, specificata con vari appellativi: è la casa di Dio in cui abita la sua famiglia; è la dimora di Dio con gli uomini; è il tempio santo, raffigurato visibilmente nei santuari di pietra, assimilato dalla liturgia alla città santa, alla nuova Gerusalemme. In essa noi siamo come le pietre vive impiegate qui in terra nella costruzione (cf Lumen gentium 1,6). Della santità che edifica la Chiesa è sublime esempio la Beata Vergine Maria – celebrata come membro eccelso e del tutto eccezionale della Chiesa e sua figura e meraviglioso modello nella fede e nella carità (LG 8,53) – rappresentata dalla stella d’argento a sette punte, che precede Cristo, stella luminosa del giorno ottavo che non conoscerà mai tramonto. Accanto alla stella mariana, carica lo scaglionetto a sinistra anche un fiore di nardo di colore oro, simbolo di san Giuseppe, sposo della Vergine Maria, patrono della Chiesa universale e santo di cui il Vescovo porta il nome. La santità di Giuseppe, uomo giusto, disponibile e fedele al progetto di Dio, è racchiusa nella missione del custodire che, se pure riguarda tutti gli uomini, diventa mandato particolare dei cristiani e in specialissimo modo dei Vescovi. La scelta dell’infiorescenza gigliacea in questa versione grafica è un omaggio espresso al Santo Padre Francesco, nel cui stemma pontificale così è redatto.

L’oro nel terzo è la trasposizione del colore del miele, raccolto nel favo a cui la punta dello scudo intende riferirsi, citando così allusivamente il cognome del Vescovo. Insieme con gli altri fedeli, in virtù del battesimo, anche il Vescovo è destinatario e custode della ricchezza della grazia, ma in virtù del suo mandato pastorale ne è pure il primo dispensatore affinché per mezzo della sua guida forte e soave (fortiter ac suaviter), tutti coloro che gli sono affidati, siano ammaestrati nella fede e, santificati dai sacramenti, gustino la dolcezza del Signore.

Il motto: RESPICITE AD DOMINUM

Le parole scelte da mons. Favale per il suo motto episcopale, ispirate al Salmo 34,6 sono la sintesi della premura pastorale della Chiesa, e quindi del Vescovo verso tutti, perché accogliendo il fluire della grazia e della misericordia del Signore, gustando e vedendo quanto Egli è buono, a Lui possa volgersi ogni creatura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.