Tragedia nel quartiere INA Casa

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Sabato, ore 09:42 

La perizia del medico legale stabilirà se la donna prima dell’investimento, fosse riversa sull’asfalto a causa di un malore o se fosse inciampata nella pericolosa insidia stradale  

Sarebbe deceduta a seguito di un arresto cardiocircolatorio, la 59enne (originaria di Monopoli) Maria Delucia che, intorno alle ore 21:40 di ieri sera, è stata accidentalmente investita in via Ignazio Silone dall’autovettura, una Peugeot 407 nera, guidata dal marito 65enne (di origini baresi).

Sarà tuttavia la perizia del medico legale – che sarà resa nota verso le 11 di questa mattina presso l’obitorio del Cimitero Comunale, dove si trova il cadavere in attesa dell’ottenimento del nullaosta al seppellimento – a chiarire se la donna si sia accasciata per terra perché colta da malore e se sia caduta dopo essere inciampata nella pericolosa insidia stradale, che da mesi imperversa in quel tratto di strada.

Da alcune indiscrezioni, si racconta che la coppia fosse molto affiatata, che ha tre figli, era sposata da oltre quarant’anni e da circa un anno risiedeva a Conversano. Nella serata di ieri, i due coniugi si erano recati a Monopoli per andare a trovare dei parenti.

L’INCIDENTE

Terminata la visita, marito e moglie si erano recati nel parcheggio di via Silone per salire a bordo della propria vettura e fare ritorno a casa.

A causa delle ridotte dimensioni del posteggio auto, la 59enne non aveva avuto modo di aprire la portiera e perciò ha atteso che il marito uscisse dal parcheggio.

Come confermato anche da alcuni testimoni che avrebbero assistito alla scena, la donna si trovava alla destra dell’auto ed era già riversa sull’asfalto, quando il 65enne ha eseguito una manovra per consentirle di entrare nell’abitacolo. Allertati i soccorsi, sul posto, sono intervenuti i sanitari del 118 ed i Carabinieri del NOR della Compagnia di Monopoli, che hanno effettuato i rilievi di rito.

Pare che l’uomo sia risultato negativo a tutti i test a cui è stato sottoposto per verificare se avesse assunto sostanze alcoliche o stupefacenti.


La riproduzione, anche parziale, è consentita previa citazione della fonte “The Monopoli Times” con il relativo URL www.monopolitimes.com.

Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale 4.0 Internazionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.