2 argenti e 2 bronzi per la Pro Monopoli al 1° Meeting di Piediluco

Questo slideshow richiede JavaScript.

Mercoledì, ore 18:25

Piediluco 19-20 Marzo 2016
Week-end intenso e frenetico quello vissuto sul lago di Piediluco per la Pro Monopoli-Surgelsud, archiviata giovedì e venerdì la pratica per le selezioni del gruppo olimpico con Emanuele Fiume, della Pro Monopoli, sempre più organico allo stesso. Si è svolto il primo meeting 2016, con lo scopo di selezionare gli atleti che andranno a formare gli equipaggi che affronteranno il Memorial Paolo d’Aloja, con la prospettiva di entrare nella compagine nazionale per i prossimi campionati europei.
Clara Guerra si è presentata ai nastri di partenza di questa stagione agonistica con le carte in regola perché questa sia da incorniciare come quella passata. Nel singolo junior ha conquistato un brillante argento dietro la Schettino, dell’Aniene, giocandosi sino alla fine la vittoria con un serrate finale da brivido. Nel doppio junior, con Sara Monte, ha bissato il podio con un bronzo che vale oro, se si pensa che la giovane Monte si sta lentamente riprendendo dopo l’importante infortunio alla colonna che l’ha costretta per diversi mesi all’inattività. Bronzo quindi che pesa. Marco Spinosa, atleta promo-nopolitano, quest’anno tesserato con l’Elpis Genova, ha conquistato un argento nell’otto junior ed un bronzo nel 4 con, sempre nella categoria juniores.
Buona performance che deve essere confermata nei prossimi appuntamenti nazionali.
Promettente, invece, la prova dell’inedito doppio ragazzi, composto da Christian Quaranta e Giovanni Pantaleo. Pur essendo alla loro prima gara nazionale in categoria agonistica, hanno riportato un promettente quinto posto che rappresenta un buon punto di partenza. Questo piazzamento ha un peso specifico di ottimo livello, se si tiene conto il numero di partecipanti, notevole nelle specialità in barca corta, singolo e doppio e due senza, nelle categorie junior/ragazzi/e, in netta controtendenza con alcuna specialità, nelle categorie senior, dove non sempre si riesce a coprire le otto corsie del campo di regata, anche per l’assenza degli atleti/e più forti, impegnati/e nei raduni del gruppo olimpico. Prossimo appuntamento il Memorial Paolo d’Aloja, sempre a Piediluco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.