Gli Amici della Musica rivolgono un “Omaggio a SIDNEY BECHET”

pichierri sidney bechetMercoledì, ore 10:35

Il jazz ritorna nel prossimo appuntamento della 36^ stagione concertistica

Ancora un concerto Jazz per la 36^ stagione concertistica degli “Amici della Musica-O.Fiume” di Monopoli.

Martedì 22 marzo presso l’auditorium “Bianco-Manghisi” in via Cappuccini di Monopoli si esibirà il Pino PICHIERRI TRIO in un programma dedicato a Sidney BECHET

Omaggio a SIDNEY BECHET

Pino PICHIERRI – clarinetto / sax soprano

Renzo BAGORDA – banjo

Gianpaolo CHIARELLA – contrabbasso

Un omaggio al musicista statunitense considerato tra i più grandi clarinettisti del XX secolo e primo maestro del saxofono soprano.

La straripante vitalità, l’indipendenza di spirito dell’uomo Bechet si ritrovano nella sua musica, veemente, torrentizia,aggressiva.

Il suo saxofono canta sempre a voce spiegata, dà colore alle esecuzioni e le infiamma.

Trasferitosi definitivamente in Francia nel 1949 compose brani di gusto francese come “Petite Fleur” e “Si tu vois ma mère” quest’ultimo tornato di attualità perché abilmente inserito nella colonna sonora del _lm Midnight in Paris di Woody Allen. La forza e la singolarità della personalità musicale di Bechet sono evidenti in tutte le sue registrazioni. I francesi arrivarono a soprannominarlo “Le Dieu” “Il Dio”.

Nel repertorio del Trio, oltre ai grandi classici del jazz suonati da Bechet, non mancano i suoi “Cavalli di Battaglia” come I’ve found a new baby, Basin streeet blues, Summertime, St. Louis

blues, Laura, Petite fleur, Si tu vois ma mere.

Pino PICHIERRI

diplomato in clarinetto con il massimo dei voti a Taranto con il Maestro Amleto Tardio, studia composizione con il Maestro Silvano Sardi e intraprende giovanissimo la carriera concertistica in qualità di solista e come elemento di vari gruppi orchestrali di musica classica. Si abilita all’insegnamento con il massimo punteggio e si specializza nella didattica.

Nel 1985, dall’incontro con il maestro Paolo Lepore che lo inserisce nell’organico della Jazz Studio Orchestra, nasce la passione per il jazz e, ricoprendo il ruolo di 1° saxofono, ha l’occasione di suonare accanto ai prestigiosi nomi del jazz italiano come Giorgio Gaslini, Gianni Basso, Tullio De Piscopo, Marcello Rosa, Roberto Ottaviano, Paolo Tommelleri, e internazionale, come Dizzy Gillespie, Lee Konitz, Chet Baker, Tony Scott, Mark Murphy, Sal Nestico, Charlie Hollering. Ha suonato per l’ente sinfonico di Bari sotto la direzione di Bruno Tommaso e ha collaborato attivamente con Lino Patruno, Carlo Loffredo, Giampaolo Ascolese, Guido Di Leone, Edy Olivieri, Joy Garrison, Cristal White, Nicola Arigliano, Franco Cerri, Massimo Catalano, Rick Pellegrino.

Ha frequentato masterclass con il sassofonista Dave Liebmann e in qualità di docente ha tenuto masterclass di clarinetto e sassofono jazz a Siviglia (Spagna). Considerato, secondo riviste autorevoli, tra i migliori clarinettisti italiani, con varie formazioni si è esibito nei maggiori jazz club italiani tra cui il “Chet Baker” di Bologna, l’ “Alexanderplatz” di Roma, l’ “Otto Club” di Napoli, l’ “Open Jazz Club” di Palermo, il “Jazz e dintorni” di Mola di Bari, il “Laurin Jazz Club” di Bolzano e il “Gruppe Dekadenz” di Bressanone. Insieme a Larry Franco e Mino Lacirignola con formazioni come “Dixinitaly jazz Band” e “Jazz Moments”, ha suonato in diversi Concerti e Festival internazionali all’estero: Spagna, Grecia, Turchia, Svizzera, Germania, Marocco, Tunisia, Emirati Arabi, India.

È presente in 30 lavori discografici, e in qualità di solista ha registrato tra gli ultimi “Jazz Moments” e “E-Mail Special”.

Renzo BAGORDA

nato a Fasano, in provincia di Brindisi, nel 1949, Renzo incominciò ad appassionarsi alla musica tradizionale nordamericana nella prima metà degli anni ’60; essendo il banjo strettamente legato alla folk music, l’interessamento di Renzo verso questo strumento fu una scelta quasi obbligata, per cui nel 1965 incominciò a suonarlo (ovviamente da autodidatta) con il solo ausilio dei LP’s che, sulla scia del folk revival americano, all’epoca era possibile reperire anche alla Ricordi!

Nella prima metà degli anni ’70, dopo essersi laureato in Lettere con una tesi sulle Ballate Popolari Anglo-Americane, Renzo entrò in contatto con i musicisti romani appassionati di folk e country music, esibendosi con il 5-string banjo nel celebre Folkstudio di Giancarlo Cesaroni; in tale periodo incominciò la sua collaborazione con il chitarrista anglo-olandese Francio Kuipers e con il cantautore Luigi Grechi.

La presenza del banjo (tenor) anche nel jazz tradizionale orientò Renzo Bagorda anche alla “scoperta” del Dixieland, che ha caratterizzato la sua attività musicale negli ultimi decenni, come dimostra la sua partecipazione a progetti quali Hill Side Jazz Band, Dixinitaly Jazz Band, Larry FrancoJazz Society, Jazz Moments, Quintetnico. Nell’ambito di tali formazioni, Renzo ha avuto l’occasione di suonare con alcuni dei musicisti più rappresentativi del trad jazz italiano, tra i quali Lino Patruno, Carlo Loffredo, Marcello Rosa.

Da segnalare, infine, la sua partecipazione a due gruppi abbastanza insoliti in Italia: i romani Banjobreakers e i pugliesi Timeless Banjos. Si tratta di due bands composte quasi esclusivamente di banjos di tutti i tipi, il cui repertorio comprende di tutto: jazz, folk, rock, Beatles e che dimostra quanto il banjo sia sorprendentemente adatto ad affrontare e caratterizzare forme musicali abbastanza “lontane” dal suo stereotipo di strumento folcloristico e “limitato”.

Giampaolo CHIARELLA

ha studiato dapprima basso elettrico con Vito Di Modugno per poi passare al contrabbasso con Franco Fossanova e Giorgio Vendola.

Ha seguito diversi seminari jazz nazionali e internazionali (Siena, Matera, Amsterdam) e ha collaborato con numerosi musicisti come Marco Sannini, Marco Tamburini, Ettore Fioravanti, Pino Pichierri, Roberto Ottaviano, Guido Di Leone, Mino Lacirignola, Paola Arnesano.

Attualmente è contrabbassista in diversi progetti come il Vocal Gershwin Tribute e il Max Monno Jazz Quartet.

Il concerto, avrà martedì 22 marzo p.v. nell’auditorium “Bianco-Manghisi” in via Cappuccini.

Porta ore 20,30 – Sipario ore 21,00

Ingresso: intero €. 7,00 – Ridotto €. 5,00

Per informazioni.

ArtesuonoPz. S.Antonio 34 MonopoliTel./Fax 080 9372978

Associazione Amici della Musica “Orazio Fiume”Tel. 368.3718174

– Fax 080 2142402

www.amicimusicamonopoli.comamicimusicamonopoli@libero.it

Biglietti Online

www.amicimusicamonopoli.com

(Visa-Mastercard e prepagate

Visita il nostro sito o seguici su facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.