Dimostrazione di massaggio cardiaco con il 118 di Bari al Polo Liceale di Monopoli

image003 (1)Giovedì, ore 17:22

Nella manifestazione “Viva la rianimazione cardio-respiratoria, che ti salva la vita” dell’Associazione “La Città che sale”

 

Il Progetto “Salute per tutti” dell’Associazione “La Città che sale” entra nel vivo della sua proposta formativa per lo star bene degli studenti a scuola. Sul tema del “Viva la rianimazione cardio-respiratoria, che ti salva la vita”, sabato 5 marzo 2016, dalle ore 9.00 alle ore 12.00, si svolgerà a Monopoli, presso il Polo Liceale, la manifestazione e dimostrazione di massaggio cardiaco e di attenzione ai temi della rianimazione Cardio-Respiratoria.

La Manifestazione, organizzata dall’Associazione di Promozione Sociale “La Città che sale”, d’intesa con l’Azienda Sanitaria del Policlinico di Bari, con la ASL/BA e con l’Italian Resuscitation Council, è rivolta a circa 350 Studenti del Polo Liceale “Galileo Galilei” e del Liceo Artistico-Musicale “Luigi Russo” di Monopoli,  i quali, mediante un’esercitazione pratica gestita dagli Operatori del 118, impareranno a prestare il primo soccorso in caso di Arresto Cardiaco Improvviso.

Alla manifestazione interverranno il Sindaco di Monopoli ing. Emilio Romani, l’Assessore al Welfare della Regione Puglia dott. Salvatore Negro,  l’Assessore alla Pubblica Istruzione della Città Metropolitana di Bari avv. Vito Lacoppola, il Direttore Generale della ASL/BA dott. Vito Montanaro, il Dirigente Scolastico del Polo Liceale di Monopoli prof. Martino Cazzorla, il Dirigente Scolastico dell’I.I.S.S. “Luigi Russo” di Monopoli ing. Raffaele Buonsante, il Professore Ordinario di Anestesia e Rianimazione dell’Università di Bari prof. Tommaso Fiore, il Direttore dell’Unità Operativa di Pronto Soccorso del Presidio Ospedaliero di Putignano r.ssa Brigida Panzarino, il Presidente dell’Associazione di Promozione Sociale “La città che sale” dott. Emilio Nacci.

La valenza sociale di questo evento deriva da due fattori reali. Da una parte l’Arresto Cardiaco Improvviso è un evento molto frequente, tanto che una persona su cinque muore in questo modo, e questo raramente succede in Ospedale o il più delle volte succede per la strada, a casa, a scuola, sul posto di lavoro. Entro 2 minuti dall’Arresto Cardiaco Improvviso si verificano danni cerebrali irreversibili, e poichè l’ambulanza del 118 non fa in tempo ad arrivare in

questo lasso di tempo, è necessario che chiunque assiste a una ale drammatico evento deve essere in grado di effettuare le manovre di Rianimazione Cardio-Respiratoria e potrà così salvare la vita del malcapitato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.