Venerdì, ore 09:16

Giovane polignanese costretto alla resa. Nei guai, anche una 16enne

 

All’arrivo dei Carabinieri, nella speranza di farla franca, si sbarazza della cocaina gettandola dal balcone, ma è ugualmente finito agli arresti domiciliari.

Dovrà difendersi dall’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti un 23enne di Polignano, già noto alle forze dell’ordine, arrestato l’altro pomeriggio dai Carabinieri a Monopoli.

I militari dell’Aliquota Operativa, durante uno specifico servizio, hanno compiuto una perquisizione presso un’abitazione utilizzata dal giovane. All’arrivo dei Carabinieri, il 23enne, prima di aprire la porta, ha tentato di sbarazzarsi di un sacchetto con ventuno dosi di cocaina, gettandolo dal balcone. Per sua sfortuna però la droga è stata prontamente recuperata dai militari che nel frattempo avevano circondato l’edificio.

Le ricerche hanno permesso ai militari di rinvenire, inoltre , due panetti di hashish pari a 143 grammi, scovati nell’armadio della camera da letto, nonché tre dosi della stessa sostanza trovati in possesso di un’amica 16enne, poi segnalata alla Prefettura di Bari quale consumatrice di sostanze stupefacenti.

Dopo l’arresto, il 23enne, su disposizione della Procura della Repubblica di Bari, è stato sottoposto agli arresti  domiciliari, mentre la droga è stata sequestrata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.