Nasce il comitato referendario “No Petrolio – Monopoli”

Domenica, ore 16:32

La presentazione avverrà il 22 febbraio alle 19 presso il Salone della Parrocchia di Sant’Antonio

Avverrà domani (22 febbraio 2016) alle ore 19 presso il Salone della Parrocchia di Sant’Antonio, la presentazione ufficiale del nuovo comitato referendario “No Petrolio – Monopoli”, costituito in vista del referendum indetto contro le trivellazioni petrolifere per il 17 aprile da associazioni, comitati, movimenti e singoli cittadini al fine di informare la cittadinanza, scoprire come muoversi e cosa fare.

Il quesito referendario, fortemente voluto da 9 Regioni italiane (tra cui la Puglia) sollecitate da comitati e associazioni ambientaliste di tutta Italia, riguarda la durata dei permessi per trivellare in mare concessi alle multinazionali che, secondo quanto previsto dall’ultima Legge di Stabilità, da limitati potrebbero essere naturalmente estesi fino alla “durata della vita utile del giacimento”. In sostanza, una proroga infinita.

Il referendum ha, inoltre, una portata politica importantissima.

Ristabilito, grazie alla feroce battaglia di questi mesi, il limite minimo delle 12 miglia per i futuri permessi (che ha portato già risultati straordinari, come l’abbandono di Petroceltic al largo delle Tremiti), altri due quesiti sono in attesa del parere della Corte Costituzionale sul conflitto di attribuzione promosso dalle Regioni. In sostanza: il Governo ha fatto di tutto per far saltare il referendum, ma non ci è riuscito.

Raggiungere il quorum e vincere la consultazione referendaria (con almeno il 51% dei SI’) significherebbe obbligare il Governo anche a rivedere la Strategia Energetica Nazionale che, al momento è quasi esclusivamente incentrata sulla rivalutazione delle energie fossili.

In più, il Governo non ha voluto prevedere l’election day, per cui si andrà al voto a brevissimo.


La riproduzione, anche parziale, è consentita previa citazione della fonte “The Monopoli Times” con il relativo URL www.monopolitimes.com.

Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale 4.0 Internazionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.