Mercoledì, ore 16:47

Si tratta di un 43enne incensurato

La scorsa sera, un 43enne incensurato di Monopoli è stato arrestato dai Carabinieri della Compagnia di Monopoli con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Dalla perquisizione domiciliare eseguita all’interno dell’abitazione del presunto pusher, i militari avrebbero rinvenuto un’ingente quantitativo di sostanze stupefacenti, sapientemente occultate in cucina, nel mobile sotto il lavello.

Sono state così sottoposte a sequestro: 45 grammi di cocaina, 15 grammi di ketamina, 26 grammi di eroina, 12 pasticche di mdma e 13 grammi di marijuana, unitamente ad un bilancino di precisione e materiale per il confezionamento della sostanza, un paio di forbici e del nastro adesivo di colore nero.

Ad indurre i Carabinieri a sospettare del 43enne sarebbero stati dei movimenti sospetti, notati nelle immediate vicinanze di casa sua.

L’uomo, su disposizione della Procura della Repubblica di Bari, è stato sottoposto agli arresti domiciliari e poi, processato per  direttissima, è stato condannato a due anni e otto mesi di reclusione, pena sospesa e all’obbligo di dimora nel comune di Monopoli.


La riproduzione, anche parziale, è consentita previa citazione della fonte “The Monopoli Times” con il relativo URL www.monopolitimes.com.

Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale 4.0 Internazionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.