Martedì, ore 18:54

Riceviamo e pubblichiamo un’epistola del prof. Walter Laganà

Gentile Direttore,
è di questi giorni la notizia pubblicata su un quotidiano della destinazione della vasta area dell’ex 4^ Deposito Carburanti in Viale Aldo Moro, gestito egregiamente fino a qualche anno fa da un gruppo di militari, a Cittadella delle Forze Armate che comprenderà la Stazione ed il Comando dei Carabinieri con l’annessa Guardia Forestale secondo le recenti decisioni del Governo Centrale, il Comando della Guardia di Finanza, il Comando della Polizia di Stato che non hanno una sede propria, e si spera anche il Comando dei Vigili del Fuoco, specialmente quest’ultimo da sempre richiesto come servizio indispensabile e non più derogabile per la nostra città. La Marina Militare con l’annessa Capitaneria di Porto ha una sede propria e funzionale in Largo Fontanelle. Per la Fiera e i Mercati è sempre libera e, crediamo ancora disponibile, una grande area in Via Amleto Pesce, dove in altri tempi si pensava di costruire un Mercato Generale. Naturalmente con l’attuale PUG (Piano Urbanistico Generale del Comune di Monopoli), bisogna, se non andiamo errati, provvedere ad una nuova variante, con la speranza che il progetto non sia in contrasto con il Piano Paesaggistico Regionale Territoriale e con la Rete Ecologica Regionale come il progetto multipiano delle Vie Marsala-Marconi. Con queste considerazioni e riflessioni non vogliamo turbare il sonno di nessuno. A meno che, secondo un vecchio detto cinese: “Non c’è differenza fra chi è ricco e chi si sta arricchendo, perché vogliono entrambi ancora più denaro, più immobili e più potere”. Naturalmente, agendo in questo modo, si svilisce la Politica e la Pubblica Amministrazione e si allontanano sempre di più le giovani generazioni dalla politica stessa, perché esse credono nell’onestà, nel volontariato gratuito e nel servizio sociale.

Monopoli (Bari) 19 gennaio 2016

Walter Laganà (Due volte Sindaco della Città di Monopoli)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.