Giovedì, ore 19:32

 

Aliquota fissata a 7,50 € a tonnellata in discarica

Eco tassa scongiurata per il Comune di Monopoli in materia di rifiuti. Ad annunciarlo è il Consigliere delegato all’ecologia Sergio Marasciulo, nella nota che vi riportiamo qui di seguito.

 

È del 17 dicembre 2015 la pubblicazione della determinazione regionale n.642, con la quale la Regione Puglia stabilisce per il Comune di Monopoli in €.7,50 (tonnellata) l’aliquota del tributo speciale per il conferimento in discarica dei rifiuti solidi urbani dovuto per l’anno 2015.
Un risultato ragguardevole per il Comune di Monopoli se guardiamo agli altri comuni della provincia di Bari che hanno operato con appalti già consolidati:
Acquaviva delle Fonti 7,50 -Adelfia 5,17 -Alberobello 7,50-Altamura 25,82 -Bari 7,50 -Binetto 7,50 –Bitetto 7,50 -Bitonto 7,50 -Bitritto 7,50 -Capurso 7,50 -Casamassima 25,82 -Cassano delle Murge 5,17-Castellana Grotte 7,50 -Cellamare 5,17 -Conversano 7,50 -Corato 15,00 -Gioia del Colle 25,82 -Giovinazzo 25,82 -Gravina in Puglia 25,82 -Grumo Appula 11,62 -Locorotondo 7,50 -Modugno 25,82 -Mola di Bari 10,17 –
Molfetta 11,25 -Noci 7,50 -Noicattaro 25,82 -Palo del Colle 7,50-Poggiorsini 11,62 -Polignano a Mare 6,97 –
Putignano 6,97 -Rutigliano 5,17 -Ruvo di Puglia 15,00-Sammichele di Bari 7,50 -Sannicandro di Bari 7,50 –
Santeramo in Colle 25,82 -Terlizzi 15,00 -Toritto 11,62 -Triggiano 10,17 -Turi 7,50 -Valenzano 25,82.

La notizia mi offre l’opportunità di ringraziare tutte le professionalità del Comune di Monopoli interessate alla complessa materia dei rifiuti, che hanno contribuito ad evitare l’applicazione di ulteriori forme di tassazione nei confronti dei nostri concittadini, nonostante le note vicende che hanno caratterizzato gli appalti per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani nella nostra città.
Mi sia consentito,altresì, di esprimere la soddisfazione per il lavoro fin qui svolto nonostante il contenzioso amministrativo e la congiuntura negativa che hanno connotato la delega per l’ecologia conferita dal Sindaco Emilio Romani.
Ciononostante, sono convinto di aver assolto e di continuare ad assicurare il ruolo di Consigliere delegato in funzione delle esigenze richieste che non sono – come qualcuno vuol far intendere – relegate al mero esercizio di controllo ambientale, competenze ascritte ad altri organi comunali, ma alla cura della realizzazione di un progetto più ampio, volto alla risoluzione della complessa materia dello smaltimento rifiuti sul nostro territorio.
Un impegno assunto in un momento in cui, proprio oggi, il neo governatore Michele Emiliano, disconosce un decennio di politica ambientale attuata dal suo predecessore Vendola, i cui risultati disastrosi si riassumono nell’impossibilità oggettiva per tutti i comuni pugliesi di chiudere il ciclo dei rifiuti, a causa della mancanza di impianti di compostaggio e della saturazione di tutte le discariche.
Sergio Marasciulo
Consigliere Delegato per l’Ecologia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.