Venerdì, ore 12:41

Scende a 190 feriti, il bilancio del Dipartimento della Pubblica Sicurezza a livello nazionale

Anche quest’anno, nessun morto e/o ferito si è registrato per i botti di Capodanno a Monopoli.

Sono rassicuranti anche i dati emersi dal bilancio tracciato dal Dipartimento della Pubblica Sicurezza a livello nazionale: è sceso a 190 rispetto ai 253 del 2014, il numero di feriti sul territorio nazionale.

Tornando all’hinterland barese, invece, mentre nel Capoluogo barese – dove in Piazza Libertà si stava tenendo un mega concerto di Gigi D’Alessio, che ha ospitato numerosi big della musica italiana per festeggiare in allegria e spensieratezza il nuovo anno – non si è registrato alcun ferito, nell’Area Metropolitana di Bari sono cinque le persone che hanno riportato lesioni a seguito dello scoppio di botti e petardi.

Il caso più grave si è registrato ad Andria, dove un uomo del 1994 ha perso due dita della mano sinistra, con ferite anche ad occhi e ventre, per l’esplosione di un petardo di fattura artigianale di circa 10 cm di diametro, probabilmente a causa della miccia corta. L’uomo è ricoverato al Policlinico di Bari, in  prognosi  riservata.
Gli altri 4 feriti, nessuno dei quali ricoverato, si sono registrati ad Andria, Giovinazzo, Trani e Corato. Le prognosi vanno dai 12 ai 5 giorni per lievi ferite o escoriazioni.

Un denunciato a Bitonto: aveva circa 80 bombe carta in un furgone.
La Polizia di Stato a Bitonto, nel contesto degli specifici servizi realizzati per il contrasto alla vendita ed alla detenzione di artifici pirotecnici illegalmente detenuti e venduti,  ha denunciato un giovane del 1992 per il reato di fabbricazione e commercio abusivo di materiale esplodente, sottoponendo a sequestro il materiale rinvenuto. L’uomo, all’interno di un furgone Ford Transit parcheggiato sotto l’abitazione,  aveva 76 bombe carta artigianali, le c.d. cipolle, e due bombe carta di grosse dimensioni, sempre di fabbricazione artigianale, che ha dichiarato di voler vendere per l’ultimo dell’anno.


La riproduzione, anche parziale, è consentita previa citazione della fonte “The Monopoli Times” con il relativo URL www.monopolitimes.com.

Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale 4.0 Internazionale

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.