Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Venerdì, ore 15:09

Rifiuti sull`arenile

Il terreno sul quale camminiamo, l`aria che respiriamo, ogni bene del nostro immenso ed inestimabile patrimonio storico, artistico, archeologico e culturale ed anche l`invidiabile panorama paesaggistico che ci circonda è di nostra proprietà.

Questa concezione deve smuovere le coscienze e muovere le nostre azioni, mirando alla tutela ed alla salvaguardia, nonchè alla valorizzazione, della cosa pubblica.

Ciascuno di noi deve sentirsi partecipe nella vita della nostra città, contribuire giorno dopo giorno a migliorarla.

Ognuno di noi, nel suo piccolo, puo` fare tanto ed allo stesso modo con comportamenti sbagliati danneggia l`ambiente.

Osservando l`arenile delle nostre spiagge – seppur ancora frequentate – in questo periodo dell`anno, è possibile rendersi conto di quanti rifiuti incivilmente abbandonati vengano risucchiati dall`andirivieni del mare e restituitici dopo una mareggiata.

Qualche settimana fa, dopo la pubblicazione di un servizio giornalistico, siamo tornati a Cala Porto Vecchio e, nonostante al mattino pare che un operatore ecologico avesse ripulito lo scalo di alaggio, già nel pomeriggio qualche passante aveva gettato lì altri rifiuti, tra cui diverse cartacce. Quel giorno, inoltre, c`era la bassa marea ed era possibile scorgere sul fondale e tra i banchi di pesce innumerevoli buste di plastica, fatali per alcune specie della fauna marina (come le tartarughe).

Ergo, è importante immaginare che tutto quello che ci circonda ci appartiene e, come casa nostra, deve essere curato con amore e dedizione.


La riproduzione, anche parziale, è consentita previa citazione della fonte “The Monopoli Times” con il relativo URL www.monopolitimes.com.

Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale 4.0 Internazionale

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.