VIDEO – La Pro Monopoli ha rivissuto i 110+3 anni dalla sua fondazione

Sabato, ore 15:53

La cerimonia celebrativa a Cala Batteria

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

I 110 anni + 3 dalla fondazione del Circolo Canottieri Pro Monopoli racchiusi in un reportage raccontato, fatto non soltanto di una sequenza di immagini, bensì di una sintesi importante che collocasse la città di Monopoli nella realtà socio-economica della fine del 1800, inizi del 1900.

Un’emozione dopo l’altra si è così rivissuta ieri sera a Cala Batteria in occasione della festa dei 110+3 del sodalizio presieduto da Sebastiano Pugliese, che soltanto lo scorso anno ha scoperto grazie al socio ad honorem Michele Lafronza che ha ritrovato il primo Statuto e l’elenco dei soci fondatori di essere nata nel 1902.

Una serata memorabile, durante la quale sono intervenute autorità civili e militari: erano presenti il Presidente della Federazione Italiana Canottaggio Giuseppe Abbagnale, il Presidente del Comitato Regionale Puglia/Basilicata della FIC Nicola Sgobba e altri ospiti tra cui l`Ammiraglio Pasquale Guerra, Comandante della Brigata marina «San Marco», l`Assessore Regionale allo Sport Raffaele Piemontese, il Sindaco Emilio Romani, il Delegato Comunale allo Sport Cristian Iaia e il Vescovo Domenico Padovano, nonchè il Comandante T.V. (CP) Salvatore De Crescenzo dell’Ufficio Circondariale Marittimo – Capitaneria di Porto di Monopoli ed il Cav. Martino Tropiano (Presidente dell’A.N.M.I. di Monopoli).

Soltanto in mattinata erano state issate le bandiere per il grande giorno.

Dopo una breve introduzione a cura del Presidente Pugliese, la cerimonia celebrativa “110+3” di fondazione del sodalizio è stata allietata dalla lettura di alcuni brani a cura del prof. Achille Chillà, dall’esibizione danzante di una ballerina di danza classica e dalla soave voce di una cantante lirica.


La riproduzione, anche parziale, è consentita previa citazione della fonte “The Monopoli Times” con il relativo URL www.monopolitimes.com.

Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale 4.0 Internazionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.