Venerdì, ore 13:00

Come evitare di pagare la tariffa piena

Le tariffe per il servizio di refezione scolastica rimarranno invariate salvo variazioni in corso d’opera.

tariffa refezione scolastica

Nella mattinata odierna è stata resa nota la tabella indicante le varie fasce di reddito ISEE ed il relativo costo del pasto intero o ridotto che sia.

Erika Lotesoriere
Erika Lotesoriere

Nel corso della conferenza stampa di presentazione della gestione informatizzata del servizio mensa, svoltasi presso la Sala delle Terre Parlanti di vico Acquaviva, è stato il Consigliere Comunale Erika Lotesoriere a volersi sincerare della situazione, rivolgendosi al Dirigente Area organizzativa V – PUBBLICA ISTRUZIONE, SPORT E SERVIZI SOCIALI, dott. Lorenzo Calabrese: «lo scorso anno è stato introdotto – ha spiegato quest’ultimo – un sistema di esenzione più restrittivo derivante da una scelta politica che ha aiutato a garantire il servizio ad altre classi, come per esempio quelle dell’agro»; d’altronde per il dott. Calabrese, l’introduzione delle nuove modalità di calcolo del reddito ISEE avrebbero dimostrato che diverse famiglie ora corrispondono ad una diversa fascia di reddito ISEE.

Tuttavia, per i “ritardatari” che ancora non hanno effettuato l’iscrizione al servizio mensa e rientrano in una determinata fascia di reddito ISEE è consigliabile che presentino anche il modello ISEE (nonostante siano necessari all’incirca quindici giorni di tempo per richiederlo) in maniera tale da evitare di pagare la tariffa piena in quanto non rimborsabile.


La riproduzione, anche parziale, è consentita previa citazione della fonte “The Monopoli Times” con il relativo URL www.monopolitimes.com.

Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale 4.0 Internazionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.