Sabato, ore 07:56

Bilancio soddisfacente per l’Amministrazione Comunale e l’organizzazione

Questo slideshow richiede JavaScript.

Vanessa Haynes & 2.0, Fabrizio Bosso Quartet & Paolo Silvestri Ensemble e, Sergio Cammariere con la sua band e la straordinaria partecipazione di Fabrizio Bosso.

Un’edizione esplosiva è la quarta del Pjazza Palmieri Monopoli Jazz Festival, la tre giorni che lo scorso weekend ha infiammato il pubblico.

Anche quest’anno, l’iniziativa è stata organizzata dall’Associazione Culturale Almagrà che ne cura altresì la Direzione Artistica e promossa dalla Città di Monopoli (Assessorato allo Sviluppo Economico).

Il Pjazza Palmieri Monopoli Jazz Festival si è così riconfermato uno dei più attesi appuntamenti dell’estate monopolitana 2015 che, oltre a tenersi nella storica Piazza Palmieri, si è concluso nella centralissima Piazza Vittorio Emanuele II.

Un bilancio sicuramente positivo è quello perciò tracciato dal ViceSindaco Giuseppe Campanelli, ma anche dall’organizzazione stessa: “Siamo molto soddisfati anche di questa quarta edizione che ha nuovamente superato le aspettative sia in termini di qualità delle proposte che di organizzazione nonché di partecipazione di migliaia di cittadini, turisti, visitatori che hanno seguito la manifestazione . Tutti e tre i concerti hanno creato una forte empatia tra pubblico e artisti nelle due location scelte, Piazza Palmieri e Piazza Vittorio Emanuele. Anche la decisione di spostare l’ultimo concerto nel “Borgo” si è dimostrata vincente per la capienza e la logistica”.

I numeri e la qualità di questa edizione parlano chiaro evidenzia l’organizzatrice della manifestazione, Maddalena Teofilo –  Siamo contenti che tutti gli sforzi fatti per dare continuità ma soprattutto per far crescere questa manifestazione siano stati apprezzati da svariate migliaia di persone, che continuano a complimentarsi e a rivolgere elogi all’organizzazione. Ci auguriamo che il Festival Jazz possa proseguire il suo percorso con l’attenzione e il sostegno che merita, in una Monopoli che si proietta ad essere la “Città della Musica”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.