La Tofana di Rozes, Castelletto e Forcella Fontananegra, una “cattedrale di roccia” per Enrico Varagnolo

Questo slideshow richiede JavaScript.

L’autore ha presentato il suo secondo libro “LA TERRA SEMBRAVA TREMARE”

La “cattedrale di roccia”. La Tofana di Rozes, Castelletto e Forcella Fontananegra è una montagna che è rimasta nel cuore di Enrico Varagnolo, spingendolo a maturare la decisione di scrivere “LA TERRA SEMBRAVA TREMARE”.

Mercoledì scorso, il libro (ambientato nel 1915-’17) è stato presentato grazie alla moderazione di Paolo Leoci per la prima volta nella città di Monopoli all’interno della Biblioteca dei Ragazzi di Piazza Garibaldi.

L’evento è stato organizzato dall’Associazione Nazionale Combattenti e Reduci – Sezione di Monopoli presieduta dal Cav. Pietro Pipoli con la collaborazione delle locali sezioni dell’Istituto del Nastro Azzurro presieduta dal Cav. M.llo Michele Lafronza e Associazione Nazionale Polizia di Stato presieduta dal Cav. Antonio Bucci, i quali sono intervenuti nella prima trance dei lavori.

Anche il prof. Antonio Bini ha portato il proprio contributo di storico e culture di storia.

La serata è stata allietata da alcuni momenti musicali curati dal violinista M° Daniele De Marinis.

L’autore Enrico Varagnolo ha avuto così la possibilità di parlare del suo secondo lavoro, nel quale racconta le storie degli uomini che scrissero pagine di storia e di gloria nei due anni di conflitto sul filo dei 3 mila metri.

Alle 3:30 dell’11 luglio 1916 esplode la mina del Castelletto: 35 tonnellate di esplosivo scuotono la montagna. Perché? Chi la ideò? Chi ci lavorò? Chi difese le posizioni?

Di questo e di tanto altro si è perciò parlato nel corso dell’evento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.