Nominata la nuova Giunta Regionale, fuori la Napoletano

11693828_10154169150073084_1158898232666400058_nMartedì, ore 16:11

Persa l’ultima chance per la città di Monopoli di avere un rappresentante in Regione 

La speranza è sempre l’ultima a morire o almeno così si dice. Oggi, però, per la Consigliera Comunale PD Marilù Napoletano finisce qui la corsa per la Giunta Regionale.
Il neo eletto Governatore della Puglia, Michele Emiliano, ha annunciato i dieci assessori della sua Giunta ed ha firmato i decreti di nomina.
La città di Monopoli perde così l’ultima chance di avere un rappresentante in Regione, come era già stato ampiamente ribadito nel corso di una conferenza stampa post-voto del locale Circolo del Partito Democratico di Monopoli del 3 giugno scorso, come è possibile leggere nel servizio “Regionali 2015: Marilù Napoletano ancora in corsa per la Giunta“.
“Per me è fondamentale rispettare lo Statuto e il principio della parità di genere – dichiara Emiliano – per questo ho nominato cinque donne e cinque uomini. I cinque uomini – spiega – sono stati scelti dal popolo delle Sagre del Programma (hanno votato 1613 persone su 2800 aventi diritto) e sono: Giovanni Giannini (Trasporti e lavori Pubblici), Raffaele Piemontese (Bilancio), Giovanni Liviano (Industria culturale e turismo), Sebastiano Leo (Formazione e lavoro) e Totò Negro (Welfare).
Ho poi nominato due donne non elette riconducibili all’area del centrosinistra: Loredana Capone (Sviluppo economico) e Annamaria Curcuruto (Assetto del territorio). E, infine ho firmato le deleghe per tre consigliere elette del Movimento Cinque Stelle: Antonella Laricchia (Ambiente), Viviana Guarini (Risorse umane) e Rosa Barone (Politiche agricole). Spero sinceramente che vogliano accettare questa proposta. Convocherò la prima Giunta a Taranto, venerdì prossimo, alle ore 11.30. La nuova Giunta ha bisogno di ascoltare Taranto, che deve tornare immediatamente al centro dell’attenzione della politica regionale. C’è tanto lavoro da fare e non intendo perdere un minuto di tempo”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.