Il Centro Commerciale sorgerà sulle macerie dell’ex Ceramica delle Puglie

1966 - Inaugurazione Ceramica delle Puglie (foto storica "Monopoli ti ricordi" di Stefano Carbonara)
1966 – Inaugurazione Ceramica delle Puglie (foto storica “Monopoli ti ricordi” di Stefano Carbonara)

Giovedì, ore 10:23

Demoliti gli ultimi volumi. Gli ex ceramisti saranno reintegrati

Dell’ex Ceramica delle Puglie non rimane che un cumulo di macerie.

La scorsa settimana, infatti, i lavori in cantiere sono ripresi.

Nella giornata di lunedì, gli ultimi volumi della storica fabbrica della Tognana che, per decenni (dal 1966, quando è stata inaugurata dall’On. Aldo Moro all’epoca Presidente del Consiglio dei Ministri e dal compianto Sindaco Remigio Ferretti), ha dato lavoro a centinaia di dipendenti, sono stati completamente demoliti.

Un segnale che, unitamente alla conferma dell’impegno di (ri)assorbire gli ex lavoratori dell’ex Ceramica, ha convinto la Conferenza dei Servizi (formata dal Sindaco Emilio Romani, dal Consigliere Comunale delegato all’Urp ed alle Politiche Attive del Lavoro Luigi Colucci, dal dirigente dell’A. O. IV Urbanistica Ing. Amedeo D’Onghia e dal dirigente dell’A. O. VII Sviluppo Locale dott. Pietro D’Amico per il Comune di Monopoli, dalla dott.ssa Teresa Lisi, dirigente per le Politiche per lo sviluppo economico, lavoro e innovazione ed il responsabile regionale di Confcommercio Puglia Giuseppe Chiarelli per la Regione Puglia, riunitasi martedì scorso presso gli uffici della stessa) a concedere, oltre che a prevedere una somma a tutela delle piccole attività commerciali, contrariate dalla nascita del Centro Commerciale che vedono come una minaccia per i propri affari, un’ulteriore proroga di 24 mesi (con scadenza 23 giugno 2017) per l’autorizzazione all’apertura di un’area commerciale integrata di 27.480 metri quadrati (superficie di vendita) su un totale di 43.078 metri quadrati di superficie complessiva: in particolare, 2.500 metri quadrati saranno destinati all’alimentare e misto, 15.725 al non alimentare (beni alla persona) e i restanti 9.255 metri quadrati a altri beni; la struttura sarà articolata in 45 esercizi di vicinato  con superficie di vendita inferiore ai 250 metri quadrati, in 14 medie strutture (di cui 5 da 251 a 600 metri quadrati, 5 da 601 a 1.500 metri quadrati  e 4 da 1.501 a 2.500 metri quadrati). Due, invece, le grandi strutture (da 2.501 a 4.000 metri quadrati).

«Questa volta siamo sulla via giusta – afferma il Primo Cittadino – Questi ulteriori 24 mesi di proroga all’autorizzazione ci fanno ben sperare che entro la primavera 2016 il centro commerciale possa vedere la luce. Proprio in questi giorni la proprietà ha avviato le opere di demolizione degli ultimi manufatti presenti nell’area. Ora che la conferenza di servizi ha chiuso il suo iter non resta che avviare il cantiere. Da un lato ci sarà un aumento del prodotto interno lordo cittadino e un aumento dell’occupazione – conclude – dall’altro proprietà e Regione Puglia hanno assunto un impegno con le piccole realtà cittadine, garantendo loro forme di sostegno. È quello che volevamo e per questo siamo soddisfatti».


La riproduzione, anche parziale, è consentita previa citazione della fonte “The Monopoli Times” con il relativo URL www.monopolitimes.com.


Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale 4.0 Internazionale

1,381 Visite totali, 1 visite odierne

Redazione The Monopoli Times

“The Monopoli Times, la nuova frontiera dell’informazione” – www.monopolitimes.com

Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Bari R.G. 4349/2014 Reg. Stampa 33